Cinema

The Greatest Showman: la recensione del film con Hugh Jackman e Zac Efron

The Greatest Showman

Titolo: The Greatest Showman

Genere: Musical

Anno: 2017

Durata: 104 minuti

Regia: Michael Gracey

Sceneggiatura: Michael Arndt, Jenny Bicks, Bill Condon

Cast principale: Hugh Jackman, Michelle Williams, Zac Efron, Zendaya, Rebecca Ferguson, Keala Settle

Se mi avessero detto che avrei amato così tanto The Greatest Showman, non ci avrei creduto. Chi mi conosce sa che sono un cultore dei musical, ma la critica che viene generalmente mossa a questo particolare genere è di essere molto appariscente e avere ben poco contenuto, critica che spesso ammetto corrisponda alla realtà. Non è il caso di The Greatest Showman. Anche se molti snob potrebbero sostenere l’esatto contrario, cioè che il film sia completamente privo di contenuto, o peggio, che sia fin troppo buonista e sicuramente non fedele alla vera storia di Barnum, io l’ho trovato puro nella sua essenza e capace di insegnare qualcosa di vero. I film devono saper raccontare, e questo film qualcosa da dire ce l’ha eccome.

Hugh Jackman è Phineas Taylor Barnum, impreditore e circense statunitense, che grazie ad un’intensa pubblicità murale e giornalistica e alla sua forza di volontà è riuscito a costruire un vero e proprio impero del divertimento. Nel suo circo si poteva trovare ogni tipo di stranezza, il suo gruppo era costituito da individui geneticamente diversi: una donna barbuta con una voce incredibile, un nano, un gigante, un uomo tatuato dalla testa ai piedi, un obeso, due trapezisti afroamericani ecc. Fenomeni da baraccone, mostri per l’opinione pubblica, ma meravigliose sfumature dell’essere umano vivente per chi guarda con gli occhi del cuore. Barnum si trovò da subito nell’occhio del ciclone, al centro di polemiche e scandali a causa della natura dei suoi spettacoli, ma non perse mai il suo contagiosissimo sorriso.

Come accennavo prima, molti sosterranno che la pellicola non sia fedele alla storia del Barnum Circus, e in parte è così. Il Circo Barnum aprì nel 1907 assieme ad un’altra compagnia di intrattenimento artistico, Bailey, e si unì poi con il circo dei Fratelli Ringling, non nominati minimamente nel film. Ma poco importa, perchè il risultato è sorprendente. Il Circo Barnum ha chiuso definitivamente a maggio 2017 e questa pellicola è uno splendido omaggio alla sua fortuna, ma anche alla vita che merita di essere vissuta, indipendentemente dalla forma in cui nasciamo.

In una battuta del film, viene detto che molti avrebbero definito il Circo Barnum “un’esaltazione del genere umano”; è esattamente così. Questo film ha in sé un grandissimo messaggio di speranza, inneggia all’amore e alla totale apertura mentale. I “mostri”, gli umani deformi e derisi che vengono presentati e aiutati da Barnum, non sono diversi da noi. Tutti siamo differenti nella nostra unicità, ma spesso ce ne dimentichiamo. Fenomenologia delle diversità, il film è uno splendido tributo alla vita in tutte le sue forme, invita all’inclusione, senza distinzioni.

The Greatest Showman è grande intrattenimento. Le musiche sono puramente pop, semplici ma totalmente travolgenti e emozionanti, non è un caso che This Is Me, interpretata, fra gli altri, dalla stella di Broadway Keala Settle, sia stata nominata ai Golden Globes per la migliore canzone originale. Lo stesso discorso vale per coreografie e costumi, perfetti, pieni, completi e curati nei minimi dettagli.

Hugh Jackman, enorme, è il protagonista assoluto del film, perfettamente calato nel personaggio dall’inizio alla fine. Da sempre attivo sia al cinema che a teatro, il suo talento da musical, già visto in Australia e Les Misérables, raggiunge qui il suo apice. Il ruolo di Phineas Barnum è già valso a Jackman la nomination ai Gloden Globes come miglior attore in un film o commedia musicale, e chissà che presto non si senta profumo di Oscar.

LEGGI ANCHE: : ecco il trailer del nuovo film con Hugh Jackman

The Greatest Showman

Zendaya and Zac Efron star in Twentieth Century Fox’s “The Greatest Showman.”

Zac Efron è centrato nel suo ruolo e attento a non invadere gli spazi altrui, il suo personaggio è la spalla di quello di Hugh dall’inizio alla fine e lui lo interpreta impeccabilmente. La scelta non è stata casuale: Efron è stato la stella Disney per eccellenza grazie ad High School Musical, evento mondiale in cui ha dimostrato di saper ballare e cantare alla grande, e qui non delude assolutamente le aspettative. Complici anche le doti canore e acrobatiche di Zendaya, anche lei bellissima stellina Disney in volo, che, in compagnia di Zac, ci regala esibizioni stupende come quella sulle note di Rewrite The Stars, prossimo successo musicale tra i giovanissimi. Il personaggio di Zendaya simboleggia anche qualcosa di molto importante: tra le tante stranezze del circo, anche due neri come lei e il fratello, vengono additati come deformi, diversi, inferiori, una realtà con cui ancora oggi dobbiamo scontrarci. Delicata ma incisiva, la ragazza si farà ricordare.

Michelle Williams, decorativa, è l’adorata compagna di Barnum, balla, canta egregiamente e fa il suo, senza rimanere particolarmente impressa, ma di certo senza sfigurare. Fuoriclasse come Rebecca Ferguson e la già nominata Keala Settle apportano alla bellezza delle scenografie e della storia, il potere di due voci pazzesche, semplicemente da brivido.

Visto da noi in anteprima alla proiezione stampa e in uscita nelle sale italiane il 25 dicembre, The Greatest Showman si prospetta essere il film di queste feste, ma non solo: per noi è l’evento cinematografico dell’anno. È sicuramente in lizza per ricevere qualche nomination ai prossimi Oscar, dopo le tre guadagnate ai Golden Globes, tra cui miglior film commedia o musicale.

La colonna sonora con le musiche di John Debney è fantastica, le canzoni originali scritte da Justin Paul e Benj Pasek davvero bellissime, l’atmosfera del primo Novecento magica e gli effetti speciali semplicemente spettacolari. Splendido.

A volte il cinema è puro intrattenimento, e The Greatest Showman ne è l’esempio perfetto.

The Greatest Showman
  • Splendido
Sending
User Review
4.5 (2 votes)
Comments
To Top