Cinema

Pronostici Oscar 2018: Ecco chi vincerà e chi dovrebbe vincere secondo noi

Pronostici Oscar 2018

La notte degli Oscar si sta avvicinando, la selezione dei film candidati quest’anno è molo variegata ed interessante e quindi ho pensato di rendere pubblici i miei pronostici Oscar 2018 e anche le speranze (irrealizzabili) sui vincitori delle principali categorie; mi sono limitata alle categorie principali, di cui ho visto tutti i film candidati. Se vi va e volete condividere i  vostri pronostici e speranze di vittoria, fatelo nei commenti.
Se siete impavidi e non avete una sveglia che suona alle 6.30 di lunedì mattina, allora potete vedere la notte degli oscar in diretta su Sky.

Pronostici Oscar 2018: Ecco chi vincerà e chi dovrebbe vincere secondo noi

Miglior Film:

Critics' Choice Awards 2018

Pronostici Oscar 2018

Vincerà: Shape of Water o Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

In questo caso ci basiamo proprio su dati oggettivi: Shape of Water ha ottenuto una pioggia di candidature in tutta la stagione degli awards e ha vinto il il leone d’oro, per non citare tutti gli atri premi e candidature. Come sapete, una delle caratteristiche fondamentali per avere una chance sia per comparire nelle nomination, sia per vincere un Oscar è quello di essere presentato ad un festival cinematografico, 5 sono i festival più considerati dall’accademy e Venezia è uno di questi.

Generalmente, quando un film piace a giurie diverse e variegate, la conquista alla statuetta è abbastanza scontata. Ma bisogna ovviamente considerare anche Three Billboards Outside Ebbing, Missouri, che ha vinto già il Golden Globe, il Bafta e ha ispirato un movimento per la richiesta di giustizia e protesta verso l’immobilismo della polizia e magistratura.

Chi dovrebbe vincere: Call me by your name

Call me by your name meriterebbe l’oscar 2018 per aver regalato al mondo una storia senza antagonisti, ma un racconto fresco, onesto e delicato. Un film di un’amore che nasce insieme al desiderio. C’è bisogno di film così, sognanti, ma che arrivano proprio lì dove devono arrivare.

LEGGI ANCHE: La forma dell’acqua -The Shape of Water: la recensione del film di Guillermo Del Toro

Miglior Regia

THE SHAPE OF WATER

Pronostici Oscar 2018- Guillermo del Toro

Chi vincerà: Guillermo del Toro

Anche qui, dobbiamo considerare che Del toro ha vinto nella stessa categoria: Golden Globe, Critics’ Choice, BAFTA e soprattutto i DGA.

Chi dovrebbe vincere: Paul Thomas Anderson

Paul Thomas Anderson con Phantom Thread ha confezionato un opera visiva incantevole, quindi la mia speranza è che si mischino un po’ le carte e che l’accademy ci sorprenda. Se comunque dovesse vincere, come pare, Guillermo del Toro, sarei soddisfatta lo stesso perchè sarebbe effettivamente molto meritato.

Miglior Attore:

Pronostici Oscar 2018: Gary Oldman

Chi Vincerà: Gary Oldman, 

Vincerà lui, questa è forse la statuetta più scontata. Sì sa, all’accademy piacciono le trasformazioni fisiche e quando accade, non ce n’è per nessuno. In più Gary Oldam non ha mai vinto un Oscar. Quindi, ne stiamo veramente parlando ancora?

*C’è anche, per dovere di cronaca, da sottolineare che Daniel Day-Lewis pare voglia ritirarsi (ma non l’aveva già detto, qualche anno fa?) e la sua interpretazione è come sempre magistrale.

Chi dovrebbe vincere: Timotheè Chamalet

La sua interpretazione di Elio in Call me by Your name è sorprendente, il film funziona e “aggancia” lo spettatore per due ore,  anche grazie all’ottima performance di questo giovanissimo attore che meriterebbe veramente, di vincere questo Oscar.

LEGGI ANCHE: Chiamami col tuo nome: Tutte le cose che (probabilmente) non sapete del film

Miglior attrice:

Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Pronostici Oscar 2018: Frances McDormand

Chi vincerà: Frances McDormand

Ha vinto l’oscar 21 anni fa per Fargo e molto probabilmente arriverà a quota due. Sally Hawkins, Saoirse Ronan, Meryl Streep e Margot Robbie hanno tutte offerto interpretazioni notevoli, ma Frances McDormand ha saputo creare una sovrapposizione con il suo personaggio, arrabbiato e in cerca di giustizia tanto che la lotta sembra già vinta. Non dimentichiamo, poi, che l’attrice ha vinto nella stessa categoria praticamente in tutti gli altri Awards della stagione.

Chi dovrebbe vincere: Frances McDormand

Per tutte le ragioni esposte sopra, l’interpretazione della McDormand è sensazionale. Se però all’accademy volessero tenerci ben svegli, potrebbero sorprenderci che so con Sally Hawkins e noi saremo comunque felici.

LEGGI ANCHE: Tre Manifesti a Ebbing, Missouri: la recensione del film con Frances McDormand e Sam Rockwell

Attore non protagonista:

Pronostici Oscar 2018: Sam Rockwell in una scena di 3 Manifesti, Missouri

Chi vincerà: Sam Rockwell

Questo premio è stato diviso da due attori “attori” per tutta la stagione: Willem Dafoe per Florida Project, che ha ottenuto una critica positiva unanime e Sam Rockwell, mai nominato all’Oscar, che ha invece vinto per lo stesso ruolo, come la sua co-star, in tutti gli altri awards. Aggiungiamo una cosa importate, che Three Billboards Outside Ebbing, Missouri è uno dei film più ammirati di questa stagione di awards. Mentre William Dafoe è l’unico candidato per il suo film, Florida Project che è stato un po’ snobbato nelle altre categorie. Eh si, è il film che deve trainare gli attori e non viceversa.

Chi dovrebbe vincere: Sam Rockwell

Sam Rockwell è probabilmente la cosa che mi è piaciuta di più in Three Billboards Outside Ebbing, Missouri. Un ruolo solo apparentemente facile, che l’attore incarna alla perfezione stimolando sentimenti contrastanti nello spettatore.

Attrice non protagonista

Allison Janney, I,Tonya

Chi vincerà. Allison Janney, I,Tonya

L’attrice ha collezionato, nella sua carriera televisiva passata, una serie di Emmy Awards per West Wing e nomination in tutti i maggiori premi televisivi, con I,Tonya, guadagna la sua prima nomination agli Oscar e porta a casa la statuetta di molti tra i più importanti premi cinematografici.

In questo caso, vale un po’ il discorso fatto per Oldeman, le trasformazioni, i travestimenti piacciono molto all’accademy e anche in questo caso la madre di I,Tonya sembra aver sbaragliato la concorrenza.

Chi dovrebbe vincere: Laurie Metcalf, Lady Bird

Laurie Metcalf, ci ha regalato un’interpretazione così compassata e onesta di una madre che vive delle emozioni contastanti rispetto al futuro della figlia da risultare la cosa più commovente di Lady Bird. Anche Lesley Manville in Phantom Thread mette in scena una recitazione elegante e calibrata, lasciando estasiati.

LEGGI ANCHE: I, Tonya: la recensione del film con Margot Robbie e Sebastian Stan

Miglior sceneggiatura non originale:

Call me by your name - American Film Institute

Pronostici Oscar 2018: Miglior sceneggiatura, Call me by your name

Chi vincerà: Call me by your name

James Ivory è pronto a vincere l’ Oscar per l’adattamento dell’omonimo romanzo di André Aciman. La sua vittoria appare abbastanza scontata ormai. Ha già vinto per questo adattamento: best adapted screenplay ai WGA, ai Critics Choice e il BAFTA

Chi dovrebbe vincere: Call me by your name

La sceneggiatura di Jame Ivory è lucida e intelligente e riesce lì dove molti adattamenti di libri falliscono, riesce cioè ad aggiungere qualcosa in più al racconto intimo del desiderio, all’incertezza emotiva della giovinezza.

Miglior sceneggiatura originale

Pronostici Oscar: Get Out

Chi vincerà: Get out – Three Billboards

Three Billboards ha vinto per questa categoria ai BAFTA e i Golden Globe, Get out invece ha vinto i Critics’ Choice e WGA awards. C’è però da considerare anche Lady Bird e questa categoria permetterebbe alla Gerwig di non tornare a casa a mani vuote.

Chi dovrebbe vincere: Get out è apparentemente un B Movie e gioca con tutti i cliché del caso, ma poi rivela il suo umorismo tagliente e sovversivo e si trasforma in una critica spietata sul razzismo. E’ uno dei film più originali visti negli ultimi anni e tratta un tema molto sentito in questo momento storico e culturale.

LEGGI ANCHE:  Lady Bird: la recensione del film di Greta Gerwig con Saoirse Ronan

 

Comments
To Top