Once Upon a Time

Once Upon a Time: Recensione dell’episodio 6.09 – Changelings

Nella fastidiosa veste di marito psicologicamente abusivo, Rumple torna in primo piano nel nono episodio della nostra strampalata Once Upon a Time.

La gravidanza di Belle prosegue tra agguati in biblioteca, adorabili vestitini premaman e misterisi sogni orchestrati dal figlio non ancora nato.

Non so se sia la mia brutta abitudine a diffidare di tutto, ma Rumple Jr non me la racconta giusta. Sarà la tunica scintillante o le orecchie a sventola, ma questo ragazzo ha qualcosa di malandrino nello sguardo. Cosa nasconde? Che sia veramente il figlio di Belle? Che stia facendo un intricato doppiogioco?

once-upon-a-time-6-09-rumple-figlio

Bando a queste letture lombrosiane, passiamo a quelle esistenzialiste. Emma, i Charmings e tutta la combriccola dei buoni, pur nella difficoltà di vivere con un mezzo cuore o un presagio di infilzamento, godono della consapevolezza di essere i giusti e quindi i “veri”. Trovano insomma uno scopo alla propria esistenza che gliene rende merito e la riempie di significato (manda noi in cofusione, pasticciando con trame e sottotrame a volte poco verosimili, ma pazienza).

Ma in questo episodio (ri)scopriamo che – indovinate un po’? – i nostri malavagi soffrono!

“No one knows anything about my pain”

Non si tratta di un dolore qualunque, bensì quello provocato da un vuoto che non si sa di avere e tantomeno non si è in grado di riempire. Se Rumple ha perso proprio la trebisonda per dedicarsi al rapimento di neonati, la Evil Queen è messa pure peggio. Il suo buco, come le ricorda la sè stessa “eroina”, rimarrà lì a non darle mai pace, non importa la vendetta o la malvagità che cerchi di metter in atto. E quello che cerca, non sa nemmeno lei cosa sia. Solo noi, veterani di Once Upon a Time e della vita, lo possiamo sapere. E che altro può essere se non … l’ammoooooooore!

Once Upon A Time

Per appesantire il tutto, é parso giusto agli autori tirare fuori l’ennesimo genitore indecoroso. Ed ecco la madre di Rumple che altri non è se non una fatina cattiva che gli spezzerà ancora una volta il cuore: per il potere si può sacrificare tutto, anche l’affetto di un figlio. Una lezione che Rumple stesso ha insegnato a sua volta, e di cui si è pentito per poi ritornare ad essere il solito rancoroso Dark One.

Top

Incredibile come a Storybrooke i nove mesi canonici di una gravidanza non riescano mai a passare. Come successe a Zelena, a Belle basta una camomilla per entrare in travaglio e nel giro di pochi minuti, partorire, salutare il figlio e darlo in adozione. Quando si dice una giornata intensa.

Fashion Top

Due parole: pellicciotto verde.

Flop

In zona noia, troviamo gli amici di Agraba, che passano il pomeriggio a stofinare una lampada. Devo dire che il due di picche che gli tira il genio, mi ha sollevato: ero terrorizzata che il tutto virasse a un certo punto nella solita panzanata Disney. Invece, in un classico twist alla Once upon a Time, Aladin decide di diventare il nuovo genio per poter esaudire i desideri della sua bella Yasmine. Ma con questo immenso potere, non potrebbe rimandare tutti nella Foresta Incantata e farli vivere felici e contenti? Troppo banale, vero?

Voto: 2/5

In attesa del prossimo episodio di Once Upon a Time, non dimenticate di venirci a trovare sulla nostra pagina Facebook per scoprire tante altre novità su cinema e TV!

Comments
To Top