October Road

October Road: il ritorno del figliol prodigo

Un serial che ha visto ben presto la cancellazione ma che forse meritava una seconda chance…

Va bene, lo ammetto: mi sono imbattuta in questa serie non per chissà quali grandi aspettative, semplicemente perché il protagonista è un giovane scrittore interpretato da un attore davvero affascinante: Bryan Greenberg. Alzino la mano i telefilm maniac che hanno sognato, almeno una volta, di diventare autori di bestseller in grado di guadagnare soldi e raggiungere la fama semplicemente scrivendo quel che più aggrada loro. Perfetto, questa serie fa per voi! Ma “October Road” è destinato soprattutto alle telefilm maniac girls che hanno perso la testa per Bryan grazie al serial “One Tree Hill”. Come dimenticarsi di quel tenero, gentile e affascinante ragazzo padre apparso nelle scorse stagioni del teen drama della WB? Concordate con me Tele-Girls che è davvero impossibile? Bene, dopo aver recitato con successo nel film “Prime” al fianco di Uma Thurman, che chiaramente nella pellicola non poteva resistere al suo fascino, la ABC ha deciso di affidare a Bryan il ruolo di protagonista in questo drama e la sua presenza nel serial non è passata certamente inosservata. Ma andiamo per ordine…

TRAMA – PLOT
Lo show narra di un giovane scrittore, Nick Garrett interpretato appunto da Bryan Greenberg, che riesce a scrivere il libro della sua vita e al primo colpo. Peccato che il romanzo in questione risulti essere una trasposizione letteraria della vita adolescenziale dell’autore e dei suoi amici per i quali Nick ha deciso di non risparmiare nulla, nemmeno i minimi difetti caratteriali. Ma non è certo questa la vita che il giovane Garrett si era immaginato di vivere…
E’ l’estate del 1997 e a Knights Ridge (Massachusetts) Nick continua ad uscire con Hannah, la fidanzata di sempre. Il suo più grande sogno è quello di aprire un negozio insieme ai suoi migliori amici, ma solamente dopo aver realizzato un altro sogno chiuso da tempo nel cassetto: viaggiare per sei settimane attraverso l’Europa e festeggiare così la fine del college. Peccato che Nick da quel viaggio non abbia fatto più ritorno e,
dopo aver visitato l’Europa, si sia trasferito a New York City senza dire nulla ai suoi familiari e ai suoi amici. E’ proprio nella Grande Mela che il giovane è riuscito a pubblicare il suo primo romanzo che, oltre a diventare immediatamente un bestseller, è approdato nei cinema riscuotendo un enorme successo.
Ma come tutti gli artisti sanno, il blocco dello scrittore è dietro l’angolo e per aiutare Nick l’editore gli suggerisce di tornare nella sua città natale, il luogo cioè che gli ha permesso di scrivere una prima opera da sogno. Nel marzo 2007 e dopo 10 anni d’assenza, Nick torna così a Knights Ridge dove, come c’era da immaginarsi, non riceve un caloroso benvenuto; gli amici infatti gli rivolgono a stento la parola, a causa della sua vecchia fuga improvvisa e di quel che ha scritto su di loro nel libro, mentre Hannah vive con un altro uomo e ha un figlio, Sam, all’apparenza non suo…

LA GANG
Eddie Latekka è il migliore amico di Nick ed il rubacuori del gruppo. Quando il giovane scrittore lo abbandona senza dirgli una parola, Eddie decide di mettersi in proprio insieme ad Ikey. Il ritorno in città di Nick e la sua decisione di fermarsi per un po’ non aiuta Eddie a dimenticare i 10 anni di silenzio e la delusione nell’essere stato “lasciato indietro” dall’amico.

Owen Rowan è il ragazzo più tenero del gruppo. Durante l’assenza di Nick, Owen ha deciso di costruirsi una famiglia. Ora ha una moglie che adora, Alison, e due figli che rappresentano il suo orgoglio. La sua vita sembra dunque perfetta, ma ben presto si scoprirà non essere tale… 

Ikey è uno dei pochi della gang a dare il benvenuto a Nick come se non fosse mai stato lontano per così tanto tempo. Sapendo che il ragazzo deve tornare a New York il giorno seguente, Ikey gli confida un enorme segreto che, se svelato, potrebbe distruggere la vita di un loro amico.

Phil è l’unico del gruppo a vivere una vita da perfetto recluso. Dopo i tremendi avvenimenti dell’11 settembre, il giovane ha infatti deciso di dire addio al mondo reale e rifugiarsi in casa. Dentro le mura domestiche però regna una vita fatta di allegria e comodità grazie anche all’aiuto degli amici.

Aubrey è una studentessa che decide di frequentare il corso di Nick; quest’ultimo, pur di rimanere in città, riesce infatti a convincere il rettore del Dufresne College ad affidargli una classe. Con la sua freschezza e il suo stile bohemien Aubrey riesce a conquistare immediatamente l’attenzione di Nick che ben presto si troverà a dover scegliere tra intraprendere una relazione con giovane scrittrice in erba o continuare a sognare un ritorno con Hannah.

I critici televisivi d’oltre oceano hanno stroncano quasi sul nascere questo serial e il network americano l’ha cancellato dopo appena due stagioni, ma a mio avviso dobbiamo dare atto al fatto che in questo serial brillava una stella, l’attore Bryan Greenberg. Brillava non per il suo fascino… cosa andate a pensare! Ma per le interessanti doti recitative che, recentemente e in poco tempo, lo hanno portato ha compiere il grande passo dal piccolo al grande schermo. Al suo fianco nel serial una perfetta Laura Prepon, indimenticabile Donna Pinciotti di “That ‘70s Show”, che presta il volto a Hannah, la ragazza di cui Nick/Bryan è innamorato. Dolce e affascinante, Laura è una delle ragioni per cui la serie non passa inosservata: le sue doti recitative sono indiscutibili e il suo personaggio scioglie i cuori dei telespettatori sin dalla prima scena. Intervistata dai giornali americani riguardo il serial, Laura aveva dichiarato che alcuni telespettatori avrebbero amato sicuramente “October Road”, altri lo avrebbero odiato ma non vi sarebbero mai state comunque “vie di mezzo”. Voi da che parte vi siete schierati?

Comments
To Top