0Altre serie tv

Neo Yokio: Recensione del nuovo anime Netflix doppiato da Jaden Smith

Neo Yokio

Scritta da Ezra Koening, prodotta da uno studio di animazione giapponese e doppiata da Jaden Smith, Neo Yokio era la novità autunnale di Netflix meno interessante tra quelle proposte, e invece dopo una prima visione possiamo eleggerla insieme a BoJack, Rick e Morty tra le migliori serie animate dell’anno.

Come molti appassionati di televisione asiatica, o più in generale dell’animazione, sanno di solito l’incontro tra occidente e oriente, e in particolare tra animazione giapponese e produzione americana, non porta a buoni risultati e finisce spesso per essere un disastro privo di significato. Questo perché ancora il pubblico, o almeno parte di esso, non ha compreso a pieno la qualità e lo spessore che si cela dietro i prodotti di animazione che non sono solo opere fanciullesche, ma concorrono tranquillamente con le serie americane.

NEO YOKIO: UNA DICHIARAZIONE D’AMORE PER L’ANIMAZIONE GIAPPONESE CLASSICA.

Neo Yokio

Quando però chi scrive una storia è conoscitore del mondo in cui la stessa verrà ambientata, allora la faccenda cambia. Ezra Koening, di mestiere cantante, ha dichiarato di aver amato e di amare tutt’ora l’animazione giapponese in particolare Evangelion, Piccoli problemi di cuore, Sailor Moon, i film dello studio Ghibli, Ranma 1/2, Assasination Classrom e altri. Ed è proprio la passione rispettosa per questo mondo che permette a Neo Yokio di colpire lo spettatore fin dal primo episodio e tenerlo attaccato allo schermo fino alla fine. Questo non vuol dire che Neo Yokio non sia visibile se l’unico prodotto di animazione che avete visto è Bambi, perché la capacità di Koening di fondere occidente e oriente è perfetta e mette a suo agio anche lo spettatore più inesperto e riluttante.

In una New York futuristica, in cui la parte più ricca della città vive sott’acqua, in cui i demoni si impossessano di cose o persone, in cui la distinzione tra quartieri ricchi e poveri è molto più profonda di quella attuale, si snoda la vita del nostro protagonista. Una sorta di Woody Allen dai capelli rosa, erede di una famiglia che è ricca e accettata dalla classe aristocratica solo perché capace di generare incantesimi anti-demone. Kaz Kaan, doppiato da un bravo Jaden Smith, è un personaggio pieno di complessi e costantemente oppresso dal dover dimostrare qualcosa, amante della cioccolata e che ha come miglior amico un meca-maggiordomo. Le sue avventure tra demoni senza forma, completi firmati, amici ricchi e una zia tirchia,  lo porteranno a rendersi conto di cosa sia davvero la città dove vive.

LEGGI ANCHE: COSA VEDERE SU NETFLIX SE SEI UN AMANTE DEL GIAPPONE.

NEO YOKIO: UN AFFRESCO DIVERTENTE E CINICO DEL NOSTRO PRESENTE.

Neo Yokio

Nonostante le citazioni molto evidenti e l’aspetto sovrannaturale, la Neo Yokio in cui vive Kaz e la nostra New York o Milano o Londra, non sono poi molto lontane. L’ossessione per il tabellone degli scapoli, l’attenzione morbosa al colore degli abiti, dell’aspetto fisico, la critica aspra ai follower delle web-star, lo sperpero di soldi da parte delle classi più abbienti, il ritratto cinico di una città che fa correre una gara automobilistica dentro musei e quartieri poveri, sono tutti spunti già trovati in altre serie come Black Mirror, o se vogliamo restare in Giappone, Psycho Pass.

Una vita, forse vicina a quella dello stesso Koening, passata nell’Upper East Side alla ricerca di una propria strada, di un proprio futuro, circondato da chi queste domande non se le pone. Kaz Kaan ha l’umorismo malinconico di Allen e Ansari, e una sottile follia tipica dei personaggi di alcuni anime giapponesi, eppure è un po’ ognuno di noi. Persi nella velocità di una metropoli senza riposo, in cui avere successo dipende più dall’estetica invece che dall’impegno, basta avere un’idea per un cocktail o indossare un colore sbagliato a una festa. In questo Neo Yokio dimostra di essere molto più di un’anime, ma un divertente e divertito racconto del nostro presente, filtrato attraverso uno stile giapponese che per una volta non stride affatto con il contenuto.

Lasciate perdere Death Note e guardate Neo Yokio, perché un incontro tra questi due mondi è possibile.

Good Luck!

 

Comments
To Top