Interviste

Narcos: dettagli sulla quarta stagione dall’intervista all’ideatore Eric Newman

Narcos

Narcos sta per tornare. Con la conferma della quarta stagione, la serie tv creata da Chris Brancato, Carlo Bernard e Doug Miro per Netflix continuerà a raccontare la nascita e la diffusione del traffico di cocaina in America e nel resto del mondo, esplorando le origini della del cartello del Messico a Guadalajara.

La serie tv aggiungerà nella quarta stagione due nuove star, Michael Pena e Diego Luna, e sarà ambientata a Città del Messico per esplorare l’ascesa del cartello di Guadalajara e i suoi collegamenti con i boss della droga in Colombia. I personaggi che verranno interpretati da Michael Pena e Diego Luna non sono ancora stati svelati, ma quel che è certo è che il trasferimento della serie tv in Messico segnerà la fine della storia di Javier Pena (interpretato da Pedro Pascal).

Leggi Anche: 5 buoni motivi per recuperare Narcos, la serie tv di Netflix dedicata al traffico di cocaina nel mondo.

“Le origini del cartello di Guadalajara risalgono alla fine degli anni ’70 e agli inizi degli anni ’80, quindi Narcos tornerà indietro nel tempo” ha dichiarato lo showrunner Eric Newman a The Hollywood Reporter. Netflix ha pubblicato un video della nuova canzone che farà da soundtrack alla nuova stagione insieme alle notizie su casting e location.

Narcos: cosa vedremo nella stagione 4

Di seguito un estratto dell’intervista pubblicata su The Hollywood Reporter.

Quando hai saputo che avresti “mandato in pensione” l’agente della DEA Javier Pena e che Pedro Pascal non sarebbe più stato il protagonista dello show?

Faceva parte del piano già nella seconda stagione. L’obiettivo era far terminare la storia colombiana e i personaggi che abbiamo conosciuto lì, e poi ricominciare daccapo in Messico.

Quindi Pedro Pascal era a conoscenza del piano e lo teneva segreto?

Sì. Anche se alternativamente ci ha sempre chiesto o di uccidere il suo personaggio o di tornare sui nostri passi. Mi piacerebbe pensare che non ha ancora deciso se vuole tornare. Dopotutto è un universo che si interseca: i messicani hanno sempre fatto un sacco di affari con i colombiani.

Come sarà Narcos senza Pedro Pascal e come descrivi quel che sarà la nuova stagione, con nuove star e una nuova storia?

L’aspetto continuativo della serrie tv è sempre stato il traffico di cocaina e l’inutile guerra contro di essa. I nostri personaggi sono importanti e come ci piace dire, ci sono “cattivi e super cattivi”, ma sono secondari al tema principale ovvero la cocaina. La nuova stagione tratterà la guerra in corso contro la droga e contro la cocaina e la natura intrinseca e invincibile di quel conflitto.

Perché Michael Pena e Diego Luna sono gli uomini giusti per la quarta stagione?

Innanzitutto, sono entrambi degli attori fantastici. Michael è messicano-americano e Diego è messicano, e questa loro caratteristica è molto importante per dare autenticità allo show. Entrambi hanno risposto positivamente a questa trama e adorano la serie tv. Siamo stati felici di averli con noi.

Come si confrontano i re messicani della cocaina con Pablo Escobar e il regno di Cali in Colombia? Cosa ci si può aspettare?

Qualsiasi cosa inerente al traffico di droga messicano è vicino a quello colombiano. La vicinanza, la complessità della relazione tra i due paesi… La Colombia è una specie di luogo remoto per la maggior parte degli americani, che non sono mai stati in Colombia o non hanno incontrato un colombiano. Con la Colombia era più facile prendere le distanze da chi pensavamo fosse il nemico. Il Messico è il nostro vicino e quindi i legami sono più profondi.

Quante stagioni pensi ci potranno essere di Narcos?

So che vorremmo fare più di quattro stagioni e so che abbiamo il materiale per farlo. Con la storia come guida, potremmo andare avanti per sempre.

Comments
To Top