0Altre serie tv

Mindhunter: Fincher rivela la storyline della seconda stagione

Mindhunter

Scommetto che conosciamo tutti bene la sensazione angosciante di essere arrivati in fondo all’ultimo episodio della serie Mindhunter, mentre fissavamo inermi quei titoli di coda. Anche lo scoprire che Netflix ha già programmato una seconda stagione è servito a poco nell’alleviare le nostre sofferenze.

Come separarsi facilmente da una serie che ci ha letteralmente folgorato? Che ci ha stordito con la sua cura, la sua intelligenza e il suo fascino magnetico? Se siete nelle nostre stesse condizioni, forse sarete curiosi di scoprire cosa il regista David Fincher abbia in serbo per noi per una seconda stagione.

Parlando con Billboard della colonna sonora che ha così tanto influenzato l’atmosfera della serie, Fincher ha dichiarato che la seconda stagione tratterà degli omicidi di bambini di Atlanta che hanno sconvolto l’America tra il 1979 e il 1981.

“L’anno prossimo ci dedicheremo agli omicidi di Atlanta, quindi punteremo molto sulla musica afro-americana, cosa che sarà molto interessante”, ha detto Fincher. “La musica si evolverà. L’intenzione è quella che la musica supporti molto quello che sta succedendo nel telefilm e lo stesso telefilm si evolverà molto tra una stagione e l’altra”.

Gli omicidi di Atlanta sono stati una serie di omicidi che si sono verificati in due anni nei pressi della capitale della Georgia. Durante questo periodo sono state uccise almeno 28 persone tra bambini, adolescenti e adulti. Tutte le vittime erano afro-americane. L’autore degli omicidi di Atlanta, Wayne Williams, che aveva solo 23 anni al momento dell’ultimo assassinio nel maggio 1981, è stato condannato per due degli omicidi di adulti e condannato a scontare due condanne a vita. Molti degli omicidi sono diventati dei cold case e rimangono irrisolti.

LEGGI ANCHE: David Fincher dirige il pilot perfetto per la nuova serie di Netflix

La prima stagione di Mindhunter si svolge nel 1977, il che rende gli omicidi di Atlanta un passo logico considerato che si tratta di uno dei più grandi casi criminali dell’FBI della fine degli anni ’70. La prima stagione ha presentato anche un personaggio senza nome nella contea di Sedgwick, Kansas, che nell’ultimo episodio abbiamo visto bruciare dei disegni. Si pensa che l’uomo sia il BTK Killer, che ha ucciso 10 persone tra il 1974 e il 1991. I fan si aspettano che il BTK Killer sarà uno dei punti focali della stagione 2, anche se Fincher non lo ha ancora confermato.

La prima stagione di Mindhunter è ora in streaming su Netflix.

Comments
To Top