Cinema

Lady Diana: 5 film per ricordarla nell’anniversario della sua scomparsa

lady diana

31 agosto 1997, giorno della scomparsa di Lady Diana, principessa del popolo.

Moriva in un tunnel parigino la principessa Diana, la principessa triste, passata alla storia come vittima di un matrimonio infelice e di una famiglia reale le cui pretese hanno rischiato di distruggerne l’esistenza. Leggenda, mito, icona, anche dopo vent’anni la storia di Lady D continua ad aleggiare sulla famiglia reale britannica, che probabilmente non si sbarazzerà mai davvero del suo ricordo. Non con i suoi figli, i principi William ed Harry così vicini al ricordo della madre, sottratta loro prima del tempo. Entrambi continuano il suo lavoro, entrambi si sforzano di onorare la sua memoria con le loro parole e le loro azioni.

Ieri sera andava in onda su Tv8 Lady D – Verità Nascoste, che gettava nuova luce sul rapportro tra Diana, Carlo e Camilla. Andato in onda a pochi giorni dal Diana in her own words su E4 in Gran Bretagna. Qui, per la prima volta, l’Inghilterra ha visto la principessa ripresa a pochi anni dalla sua morte, in un ambiente privato. Era rilassata, sorridente, priva del peso che in pubblico le imponeva la Corona. Tutti conoscevano l’intervista sulla BBC del 1995 ma questi erano attimi rubati, attimi privati di una donna, non una principessa. 

In occasione del suo anniversario sembra solo appropriato ricordarla con alcuni dei film che, direttamente o indirettamente, le hanno reso omaggio. Non solo tramite la sua storia ma anche storie di donne altrettanto forti e determinate.

The Queen (2006)

lady diana the queen

Credits: 2007 Pathe Pictures

Non credo esista film migliore per ricordare Lady Diana di questo. Valso a Helen Mirren, qui nei panni della regina Elisabetta II, un premio Oscar, un Golden Globe e un BAFTA per la sua interpretazione, la pellicola di Stephen Frears si concentra sulla settimana successiva alla morte di Lady D e alla reazione della famiglia reale alla sua dipartita. Lady Diana si intravede unicamente tramite immagini, spezzoni di interviste e apparizioni pubbliche quando era membro della famiglia reale.

Il resto del film è abilmente giostrato tra la regina e il primo ministro Tony Blair (Michael Sheen). La freddezza della regina qui, tuttavia, non è descritta negativamente. Il suo comportamento, per quanto scorretto, sembra quasi volersi giustificare in una circostanza che ha minacciato – e continua a minacciare – la stabilità della sua famiglia. Il miglior film che si possa guardare per onorare la memoria della principessa, senza ombra di dubbio. Soprattutto considerata la straordinaria colonna sonora di Alexandre Desplat.

LEGGI ANCHE: Estate con Telefilm Central: Da The QueenBright Star, 5 film in costume da recuperare

The Duchess (2008)

lady diana the duchess

Credits: 2008 Paramount

La pellicola di Saul Dibb con Keira Knightley e Ralph Fiennes è spesso stata associata a Lady Diana. Lady Georgiana Spencer – poi, una volta sposata, Cavendish – era la sorella di George John Spencer, di cui Diana è diretta discendente. In molti non hanno mancato di notare le affinità nella vita delle due donne. Entrambe amate da tutti fuorchè dai rispettivi mariti, entrambe profondamente infelici nei rispettivi matrimoni. La storia di Georgiana colpisce in quando autentica nella sua dolorosa descrizione, in quanto prova che non sempre ciò che appare all’esterno è la conferma della felicità all’interno delle mura domestiche. 

La pellicola, oltre ad essere stata nominata agli oscar per la Miglior Scenografia, ha vinto nella categoria Miglior Cotumi, curati da Michael O’Connor.  La storia della Duchessa dei Devonshire non è tra le più felici ma, se non altro, conferma che Lady Diana non è stata la sola. In qualche modo, anche a distanza di secoli, la sua storia resta autentica e altrettanto significativa in qualsiasi circostanza. 

Sissi – La giovane imperatrice (1956)

lady diana sissi romy schneider

Malgrado la storia di Sissi e Franz sia universalmente riconosciuta come una storia d’amore felice, il secondo film della trilogia con Romy Schneider inquadra un momento diverso nella storia della coppia. Un momento di grande turbamento, in cui l’animo di una donna spontanea e libera viene messo sotto chiave in una corte fatta di regole e rigidi protocolli. Vi ricorda qualcuno?

Il secondo film della trilogia è anche quello che vede Sissi lottare con le scelte della suocera nei contronti dell’educazione dei figli. La vede separata da loro e alla costante ricerca dell’attenzione e della comprensione del marito. Con la sostanziale, fondamentale differnza che, alla fine, lei quella comprensione la ottiene.  Un film (e una trilogia) davvero imperdibili. 

A Royal Affair (2013)

lady diana alicia vikander

Credits: Magnolia Pictures

Malgrado il paese e i ruoli siano diversi, è interessante scoprire quanto diverso sarebbe tutto stato se i ruoli fossero stati invertiti. Se non fosse stata Lady Diana la donna tradita, la donna messa da parte ma lo fosse stato Carlo? La situazione avrebbe avuto tinte drammatiche, forse tinte macabre perfino. Perchè finchè si tratta di una donna costretta a sopportare il tradimento, per le scelte di un uomo si può anche chiudere un occhio. Per quelle di una donna, sopratutto se della famiglia reale, no di certo. 

Film che ha poco a che fare, come ho già detto, con la reale storia di Lady Diana ma che, grazie alla figura di Caroline Matilde riscopre un pò di quella determinazione della principessa e della sua ricerca della felicità. Meravigliosa Alicia Vikander nei panni della protagonista proprio come Mad Mikkelsen di Johann Friedrich. 

LEGGI ANCHE: Orgoglio e Pregiudizio: Meglio la serie tv del 1995 o il film del 2005? 

Un Principe tutto Mio (2004)

lady diana un principe tutto mio

Credits: Paramount Pictures

Un principe tutto mio è una storia d’amore, una favola, proprio come quella di Lady Diana e del Principe Carlo avrebbe dovuto essere. E’ una favola in tutto e per tutto, lontana dalla realtà e, forse, proprio per questa adatta per questa giornata. Perchè la vita di Lady Diana avrà potuto essere anche in parte una tragedia ma non è stata immune da momenti di felicità, come quelli con i due principi, William e Harry. Per questo la commedia romantica con Julia Stiles è adatta a questa giornata. Perchè ci fa credere, anche se solo per qualche istante, che l’amore, dopotutto, esiste. Che, in circostanze diverse, anche Lady Diana avrebbe potuto trovare il suo principe. 

Manca alla lista il film con protagonista Naomi Watts, Diana – La storia segreta di Lady D (che andrà in onda stasera su Canale5). Per quanto la somiglianza dell’attrice si sforzi di avvicinare il pubblico agli ultimi mesi della storia di Lady Diana, credo fermamente che fallisca nel mostrare un qualsiasi lato della principessa. La sceneggiatura, la struttura del film, c’è uno sforzo incredibile di dar vita ad una leggenda quando è evidente che è una leggenda impossibile da superare o eguagliare. O, comunque, impossibile da eguagliare con queste premesse. 

Non dimenticate che il documentario Lady D – Le verità Nascoste andrà nuovamente in onda su TV8 il 2 settembre alle ore 14:15 – nel caso ve lo foste perso ieri!

Comments
To Top