0Altre serie tv

Korean Drama: 5 motivi per recuperare Goblin

Goblin Korean Drama KDrama

Goblin (o Guardian: The Lonely and Great God) è un drama coreano del 2016 ed è sicuramente uno dei più famosi degli ultimi anni. Serie TV di genere fantasy, Goblin mischia il passato e il presente per parlare di destino, magia e ovviamente di una grande storia d’amore. Per chi segue i drama coreani questa serie non ha probabilmente bisogno di presentazioni, ma per chi ancora non si è affacciato a questo mondo televisivo così affascinante, Goblin può essere un buon punto di partenza, presentando una storia emozionante che tiene incollati allo schermo fino all’ultimo istante e che possiede tutte le caratteristiche di una cultura diversa dalla nostra ma così affascinante.

Ecco qui 5 ottimi motivi per recuperare Goblin:

1. La trama

Il cuore di questa storia sono Kim Shin e la giovane Ji Eun-Tak. Lui è un goblin e lei è la sposa che il destino ha scelto per lui. Vissuto 900 anni fa, Kim Shin è un nobile guerriero che, dopo anni di onorato servizio, viene accusato di tradimento e ucciso dal suo re a causa di gelosia e invidia.
Un Dio, però, ascolta la sua ultima preghiera e gli fa un dono che è anche una punizione. Tornerà in vita ma vivrà per sempre, per pagare il prezzo di tutto il sangue versato in battaglia, ricordando ogni singola morte di cui sarà testimone e condannato ad una vita di solitudine, fino a quando non comparirà la sua promessa sposa, l’unica in grado di togliergli la spada che ha conficcata nel petto e di donargli finalmente la pace.
La giovane sposa è Ji Eun-Tak, una ragazza di 19 anni che, orfana, ha vissuto a sua volta una vita di profonda solitudine; nata grazie ad un miracolo, è capace di vedere e comunicare con i fanstasmi e possiede anche lei un po’ di magia. Sorprendentemente sarà proprio l’incontro con Ji Eun-Tak a far desiderare al Goblin, dopo tanto tempo, di continuare a vivere e lo porrà davanti ad una difficile scelta.

Goblin Korean Drama

2. Magia e destino

Il destino è una domanda posta da Dio a cui l’uomo deve dare una risposta. In questa storia il destino unisce e divide le vite di molte persone, guidandole dal primo istante della loro vita, anzi forse ancora da prima. Eppure è quello che le persone ne fanno di questo destino ad essere importante, come lo affrontano, come scelgono di soppravvivergli… oppure no. Ed è per questo che Goblin è una storia magica, perchè ognuno di noi ha bisogno di strani miracoli nella propria vita. La prima neve che cade in estate, la pioggia che dura per settimane per la troppa tristezza, i peschi che fioriscono in pieno inverno e lo spegnere di una candela che cancella la solituidine. Goblin racchiude in sè parte di quella spiritualità e di quel folclore che rendono tanto affascinanti le culture orientali.

LEGGI ANCHE: Drama Coreani, la nuova ossessione 2017: I 10 migliori titoli da recuperare

3. La coppia di protagonisti

Ebbene sì, c’è una differenza di 781 anni tra il Goblin e la sua sposa. Differenza sottolineata anche dalla scelta degli attori: Gong Yo aveva 36 anni all’epoca, mentre Kim Go Eun ne aveva 24 e ne dimostrava ancora meno. Una scelta che sulla carta poteva decisamente risultare rischiosa, ma che in effetti, grazie alla bravura dei due attori, funziona benissimo. I due insieme formano una coppia bizzarra e per nulla scontata, che cresce con lo scorrere degli episodi. Kim Shin è uno spirito antico dal sorriso triste, un Goblin che stringe a sè il desiderio impossibile di poter finalmente svanire in un pacifico nulla. Affascinante e temibile quando arrabbiato, il Goblin può anche mostrare il carattere di un bambino capriccioso. Un po’ vanitoso, un po’ cocciuto, un po’ geloso sa affascinare ma anche far ridere. E Ji Eun Tak ha degli aspetti infantili ingenui ed entusiasti, ma sa anche dimostrarsi adulta e saggia quando serve. I due insieme sono uno spettacolo e non ci si stanca mai di vederli crescere insieme.

Goblin

4. Il Grim Reaper o lo zio in fondo al corridoio

Lui si merita un motivo tutto suo. Il triste mietitore è sicuramente uno dei personaggi meglio riusciti di questa serie. Serioso, impacciato, ingenuo fino all’assurdo, è un impiegato modello e svolge il suo lavoro di Tristo Mietitore con coscenziosità e precisione, aiutando le persone a passare oltre. Si dice che chi diventa un Grim Reaper (uno dei tanti impiegati di una grandissima azienda) è qualcuno che in passato ha commesso un grande peccato che deve essere espiato. La sua vita cambia irrimediabilmente quando si trasferisce come affittuario nella casa di un Goblin e fa il suo incontro con l’affascinante Sunny, che pretende di conoscere il suo nome e la sua professione. Come potere uscire con lei senza prima essersi almeno procurato un biglietto da visita?
Il bromance con il Goblin, poi, è semplicemente un bonus in più.

5. Una valanga di emozioni

Goblin sono 16 episodi di pure emozioni. Meraviglia, stupore e poi tanto romanticismo e anche tanto divertimento. Ma anche dolore vero mentre un destino inarrestabile si compie o il passato porta con sè strascichi inevitabili. Una serie TV da guardare tutta d’un fiato che non mancherà mai di sorprendervi e di coinvolgervi.

LEGGI ANCHE: Serie TV da paesi non anglofoni: Eccone 5 da vedere!

Comments
To Top