Cinema

Jane: Gli studi e la storia della primatologa Jane Goodall su National Geographic

Jane

La storia di Jane Goodall, la primatologa famosa per i suoi studi sul comportamento degli scimpanzé, nelle immagini inedite dagli archivi di National Geographic in onda domenica 18 marzo alle 20.55.

Con oltre 100 ore di filmati inediti in 16mm rimasti nascosti per 50 anni negli archivi di National Geographic, Jane racconta la storia di Jane Goodall, la donna che con le sue ricerche sugli scimpanzé ha rivoluzionato gli studi sui primati conquistando credibilità e consenso in un ambiente prettamente maschile.

Con la regia di Brett Morgen (candidato all’Oscar per il documentario On the ropes), e con una colonna sonora che porta la firma di Philip Glass, Jane offre un ritratto intimo e senza precedenti di Jane Goodall, una pionera considerata oggi tra i conservazionisti più stimati al mondo.

Jane sarà in onda su National Geographic (canale 403 di Sky) domenica 18 marzo alle 20.55.

Gli studi e la storia di Jane Goodall su National Geographic

Jane

LEGGI ANCHE – Genius: Picasso – tutto il cast della serie TV della National Geographic

La storia prende il via nel 1960 quando la 26enne Jane si traferisce in una zona remota della Tanzania per studiare gli scimpanzé. Spinta dal suo amore per gli animali ma senza una formazione scientifica accademica, la Goodal sfida i metodi di ricerca convenzionali con il suo particolare metodo di osservazione sul campo. Guadagnandosi con pazienza la fiducia degli scimpanzé, scopre che questi animali sono molto più intelligenti di quanto si pensasse e che utilizzano strumenti per procacciarsi il cibo.

Nel 1964 il filmaker Hugo van Lawick viene mandato a seguire il lavoro della Goodall, tra loro nasce l’amore, si sposano e hanno un figlio. Ma l’idillio è presto rotto da un’epidemia di poliomelite che uccide la popolazione di scimpanzé.

LEGGI ANCHE – Mars: la recensione della serie del National Geographic Channel

Con le toccanti immagini realizzate dal marito Hugo van Lawick, interviste inedite e immagini private, Jane accompagna lo spettatore attraverso l’affascinante vita di Jane Goodall offrendone un ritratto intimo.

Mi sono ritrovata a rivivere quel periodo della mia esistenza in cui ero completamente presa dalla vita degli scimpanzé“ racconta Jane Goodall. “Penso che questo film ritragga in modo molto accurato la giovane Jane, così spensierata e diversa dalla Jane di oggi, impegnata a ricordare la disperata necessità di salvare il pianeta prima che sia troppo tardi.”

Jane parla di una storia d’amore. Non di quella tra un uomo e una donna ma di quella tra una donna e il suo lavoro, la sua missione” dichiara Brett Morgen. “All’inizio del film la vediamo scoprire la sua vera passione: osservare gli animali in libertà. Il matrimonio e la nascita del figlio la portano lontano da quel mondo, ma si tratta di un allontanamento momentaneo. Presto il cerchio si chiude e lei torna ai suoi scimpanzé. Ecco, questo film racconta il viaggio di un eroe. Il nostro lieto fine è vederla tornare ai suoi studi.”

LEGGI ANCHE – Long Road Home: la nuova serie di National Geographic con Michael Kelly

E per chi volesse saperne di più, National Geographic propone l’iniziativa “Scopri il mondo degli scimpanzé. Fai una domanda al Jane Goodall Institute Italia”. Scrivendo ainfo@janegoodall.it sarà possibile mettersi in contatto con l’organizzazione internazionale non-profit fondata nel 1977 dalla stessa Jane Goodall e scoprire i segreti sulla vita degli scimpanzé ma anche i numerosi progetti di tutela dei primati e dell’ambiente messi in campo dall’organizzazione (www.janegoodall.it).

Fonte: National Geographic

Comments
To Top