Cinema

Human Flow: trailer del documentario di Ai Weiwei sui rifugiati

Human Flow

La crisi dei rifugiati diventa un documentario grazie a Ai Weiwei. L’artista, designer e attivista cinese per i diritti umani ha infatti realizzato sull’isola greca di Lesbo Human Flow, un documentario incentrato sulla crisi umanitaria che sta affliggendo oggigiorno numerosi paesi al mondo.

Prodotto da Participant Media e Rai Cinema in associazione con AC Films, Human Flow è diretto e prodotto da Ai Weiwei e segue la catena umana che ha coinvolto più di 23 paesi al mondo tra i quali Afghanistan, Bangladesh, Francia, Grecia, Germania, Iraq, Israele, Italia, Kenya, Messico e Turchia. Il documentario analizza la crisi dei rifugiati e la loro situazione soffermandosi sui campi e sui loro disperati tentativi di trovare un rifugio sicuro.

LEGGI ANCHE: Estate con Telefilm Central: 5 documentari da recuperare

“Nel dicembre 2015 sono andato in viaggio all’isola di Lesbo per assistere da vicino all’arrivo dei migranti lungo le coste europee. Ho deciso quindi di fare un film che analizzasse le condizioni del flusso migratorio in corso e dello spostamento non volontario della popolazione – il più consistente dalla Seconda Guerra Mondiale – e cosa potessero rivelare sulla nostra umanità le nostre reazioni di fronte alla crisi. Durante le riprese del documentario ho visitato oltre 40 campi profughi e condotto centinaia di interviste per cercare di capire meglio la condizione globale che sta segnando il nostro tempo” ha dichiarato il regista a Ansa.it.

Acquistato da Amazon Studios, Human Flow verrà presentato in anteprima mondiale alla 74a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e debutterà in America il prossimo 13 ottobre.

“Sono felice che Human Flow venga proiettato in concorso alla Mostra di Venezia e sono grato nei confronti di Alberto Barbera e di tutto il team della Mostra per aver dato a questo tema e al mio primo documentario un palco così prestigioso” ha concluso il regista.

Di seguito il trailer  di Human Flow  tratto da YouTube.com

Comments
To Top