Grey's Anatomy

Grey’s Anatomy ed un finale di stagione fiabesco – Recensione episodio 14.24

Grey's Anatomy 14.24

Grey’s Anatomy chiude la sua quattordicesima annata con un happy ending da far impallidire le storie Disney. Il cerchio si chiude, tutto torna al suo posto, e se qualcosa, per qualche motivo, era stato lasciato irrisolto trova il modo di tornare a galla per trovare il suo compimento.

L’episodio sembra essere incentrato sul matrimonio di Alex e Jo, e dico sembra perché per quanto l’abito bianco sia indossato da Jo, ad attirare maggiormente l’attenzione è quello tra April e Matthew, improvviso fulmine a ciel sereno alla fine dell’episodio. Sebbene in Grey’s Anatomy tutto realmente può diventare possibile anche se razionalmente cozza contro qualche ostacolo obiettivo, potrei fare l’esempio di un Owen che da 0 figli ora, palesemente, si ritrova ad averne 3, il ritorno di fiamma dei due scala velocemente la hit dei misteri di Grey’s.

Se volessimo anche per assurdo tralasciare la pazzia di April, che il giorno del matrimonio con Matthew decide di lasciarlo per sposare poi Jackson, non possiamo chiudere un occhio sulla risposta docile di Matthew, uomo lasciato all’altare e, per inciso, da poco vedovo, che senza remora alcuna è pronto a riprovarci. La voiceover di Meredith parla di “possibilità da lasciare aperte”, ma qui il messaggio che arriva è tutt’altro. Perdono, sì. Ma anche e soprattutto ripiego per incapacità di saper stare da soli. Se ci innamorassimo di chi capisce il nostro dolore, così come Arizona spiega riguardo alla relazione tra April e Matthew, la maggior parte di noi vivrebbe un amore platonico col proprio psicoterapeuta.

LEGGI ANCHE: Ellen Pompeo risponde alle speculazioni sul licenziamento di Sarah Drew e Jessica Capshaw

Una chiusura che lascia molto amaro in bocca

Più di quanto ci aspettassimo, anche se eravamo preparati abbastanza. Come Izzie che viene licenziata all’improvviso, Derek che per un beffardo destino muore per un danno al cervello, Callie che va a vivere dall’altro lato del paese con la donna che non ha saputo aiutare il suo amico, ora tocca ad April salutarci lasciando quasi un conto in sospeso. Insomma, il secondo tentativo tra April e Matthew convince poco o niente, ma è sempre meglio di saperla morta per ovviare alla decisione di eliminare il suo personaggio dallo show.

La sensazione che tutto sia stato organizzato alla meglio in poco tempo colpisce anche un altro personaggio, quello di Arizona. Decide, infatti, di trasferirsi a New York per far contenta Sofia che vuole disperatamente ritornare a casa sua e stare con i suoi amici, cosa che sembra piuttosto strana perché casa di Sofia è Seattle, non New York. Ma volendo tralasciare questo o anche il fatto che, in un batter di ciglia, Arizona sia riuscita ad ottenere un posto unico di lavoro come chirurgo fetale grazie alla sua mentore riapparsa all’improvviso per un po’ di fluido spinale in eccesso, non possiamo non focalizzare la nostra attenzione sul suo commento relativamente al fatto che sia lei che Callie sono single al momento.

Insomma, anche qui viene da chiederci di cosa abbiamo parlato sino ad ora, visto chefino ad un anno fa la rottura tra le due sembrava più che definitiva. Anche qui il messaggio che dovrebbe arrivare è ancora una volta quello delle possibilità aperte, eppure mi sembra semplicemente che siano stati fatti fare passi indietro laddove non era più tempo di farne, lasciando contemporaneamente noi fan agganciati all’idea di un ipotetico e possibile ritorno di fiamma che non ci sarà mai dato di rivedere. Un po’ meschino, direi.

Grey's Anatomy 14.24

Grey’s Anatomy 14.24

LEGGI ANCHE: How to Get Away with Murder: il futuro non scritto, recensione episodio 4.15

C’è chi va e c’è chi torna

Per quanto April e Arizona risucchino la maggior parte dell’interesse, nel frattempo succede anche qualcos’altro. La Bailey decide di prendersi un anno sabbatico dal suo ruolo di capo per quanto le piaccia esserlo (beh, allora l’anno sabbatico non lo prendi, no?) e di sana pianta affida il comando a Teddy, tornata a Seattle perché incinta di Owen.

Il ritorno di Teddy mi sembra qualcosa di interessante, se ovviamente sviluppato bene. Il suo addio dopo la morte del marito è stato, personalmente, piuttosto doloroso, ma la dignità con la quale è stato fatto lasciare lo show alla protagonista ha lasciato in me un buon ricordo. Non so quanto effettivamente questo triangolo amoroso con Amelia possa incidere positivamente sul suo personaggio, ma staremo a vedere nella prossima stagione.

Un matrimonio da fiaba

Anche Alex e Jo che, dopo svariate surreali peripezie da fiaba, riescono a coronare il proprio amore e vengono sposati da Meredith su di un ferryboat chiudono l’episodio con la dose di felicità e pace che forse, per svariati anni di seguito, c’è stata un po’ fatta mancare. Ora ha poco senso, dato che la maggior parte dei personaggi è della seconda generazione e siamo chiaramente molto meno affezionati a loro di quanto lo possiamo mai essere stati ai camici bianchi originari. Cosa farcene di De Luca o degli specializzandi del primo anno, ancora non ne sono sicura.

 Nonostante tutto, la quindicesima stagione di Grey’s Anatomy ci sarà! E la baracca sarà portata avanti da soli 4 personaggi originari: Meredith, Alex, Miranda e Richard. E’ inutile che fingiamo, tutti noi a chiusura di episodio abbiamo pensato, anche solo per un secondo: “Ma che faccio, l’anno prossimo continuo a vederlo Grey’s Anatomy?”

Per restare sempre aggiornati su Grey’s Antomy, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Grey’s Anatomy Italia qui. E non dimenticate di di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

Comments
To Top