Da recuperare

Easy: i 5 motivi per recuperare la serie TV di Netflix

Probabilmente non sarei mai arrivata a vedere Easy se non fosse stato per un amico.
Ammetto che non mi ero soffermata molto su questa serie TV perché né la locandina, né l’estratto della trama mi avevano catturata. Per di più avevo letto alcuni commenti sui social media che “bocciavano” questo show, cosicché l’avevo relegato agli ultimi posti della mia “to do list” delle serie TV da recuperare.

E’ stato un amico a convincermi a dargli una possibilità.

Confesso che mi piace molto quando qualche amico mi consiglia una serie TV, un film o ancora un libro da leggere. Spesso sono io stessa a chiedere consigli di questo genere agli amici perché immergermi in qualcosa che piace alle persone che mi circondano, mi permette di capirle meglio, di avvicinarmi maggiormente a loro e scoprire se e quanto ci ritroviamo “sulla stessa lunghezza d’onda“.

In questo caso Easy mi è stato consigliato da una persona che ho incontrato recentemente per lavoro e che, giorno dopo giorno, è rientrata nella cerchia delle persone amiche che più rispetto e con le quali mi piace confrontarmi e chiedere consigli. Se devo esser sincera, non sempre i suoi suggerimenti rispecchiano totalmente i miei gusti, ma questa volta devo dire che “ci ha azzeccato“. Easy è una serie TV che mi è piaciuta, sebbene alcune volte abbia distrutto in pochi minuti il grande romanticismo che caratterizza la mia persona.

A parte la distruzione del romanticismo, eccomi qui dunque ad elencare i cinque buoni motivi per recuperare questa serie tv targata Netflix… se ancora non l’avete vista!

Easy è una serie TV antologica, ogni episodio è a se stante.

Se nell’affrontare una nuovo serial siete normalmente frenati dall’ampio numero di episodi che compone la stagione o dall’infinita presenza di troppe vecchie stagioni da recuperare, con Easy non avete sicuramente di questi problemi. Sono state realizzate due stagioni composte da 8 episodi l’una, la seconda è stata rilasciata su Netflix ieri, 1 dicembre. Inoltre ogni episodio è a se stante; Easy è infatti una serie TV antologica, dunque ogni episodio può esser visto indipendentemente dalla volontà di completare o meno la visione dell’intera stagione. Questa è una caratteristica che rende Easy perfetta anche per coloro che hanno poco tempo libero o si annoiano facilmente se in presenza di trame troppo contorte e durature.

easy_malin-akerman_orlando-bloom

Presenta attori amatissimi sia dal pubblico maschile che da quello femminile.

Vista la grande passione del mio amico per Emily Ratajkowski, non potevo non citarla come una delle ragioni principali per la visione di questo teelfilm. L’attrice e modella americana è ricordata dal pubblico di massa probabilmente per la partecipazione al video di Robin Thicke “Blurred Lines“. Se non è così, non conoscete questa attrice ed è solo il mio amico ad aver perso la testa per Emily dopo averla vista insieme a Robin Thicke, vi riporto qui di seguito il video incriminato così che possiate capire come mai, parlando di Easy, il mio amico abbia ripetuto “Emily Emily Emily” almeno per 10 min di seguito senza alcuna interruzione.

Per par condicio devo però citare la partecipazione anche di un’altra star super sexy, in modo tale da accontentare anche l’altra metà del pubblico: sto parlando di Orlando Bloom (nell’immagine sopra potete vedere una scena tratta da Easy con Orlando Bloom protagonista).

Racconta momenti di coppia e problemi d’amore nei quali è facile immedesimarsi.

Se siete appassionati di trame d’attualità, moderne e spesso introspettive o provocative perché vi aiutano a riflettere sul vostro day by day, Easy fa al caso vostro! Ogni episodio è infatti facilmente riconducibile a momenti della vita di coppia che abbiamo vissuto o a persone che conosciamo che hanno affrontato le stesse situazioni e problematiche. Le trame sono davvero molto vicine alla nostra realtà tanto che lo show giunge a mostrare con semplicità e facilità cosa vuol dire vivere una relazione al giorno d’oggi.

Svela le paure di entrambi i sessi con grande onestà.

Spesso le serie tv mostrano solamente un lato della medaglia, ovvero le paure di uno dei due sessi coinvolti. Easy al contrario cattura le paure di entrambi i sessi, mostrandoci come la paura d’amare, l’infedeltà e il futuro a due siano temuti e sentiti sia dagli uomini, sia dalle donne. Il tutto senza giudicare, ma mostrando le storie per quel che sono e lasciando al telespettatore la decisione di schierarsi o meno con uno dei protagonisti.

LEGGI ANCHE: Cosa vedere su Netflix: Una Guida Galattica – Capitolo tre: L’abbonato mai una gioia

Easy.

Ha un’ottima e originale grafica iniziale.

L’ultimo punto che elenco per convincervi a guardare questa serie TV è legato alla sigla iniziale. Spesso la sigla rimane a mente per la soundtrack utilizzata. Questa volta la motivazione è un’altra; in ogni episodio Easy ci rallegra infatti con un openings diverso, basato su uno schizzo artistico colorato, simpatico e sempre diverso.

Se con questi cinque motivi non vi ho ancora convinti a recuperare Easy, non vi resta che dare un’opportunità al trailer pubblicato da Netflix su YouTube inserito ad inizio pagina. Buona visione!

Comments
To Top