Downton Abbey

Downton Abbey: Recensione dell’episodio 5.02 – Episode two

Sono alcuni anni che scrivo delle recensioni per Telefilm Central riguardanti Downton Abbey, ho recensito alcuni episodi, non tutti, perché qui da noi i recensori si alternano, ma nonostante ne abbia recensiti solo alcuni, mi sono reso conto che spesso, e non solo io, ho sviscerato il concetto che Downton sostanzialmente racconta di come il mondo britannico sia cambiato, secolarizzando la società, negli anni venti e trenta, soprattutto a causa di e grazie alla Grande Guerra che ha fatto sì che niente fosse più come prima. Tutte le guerre lasciano il segno nelle popolazioni, ma quella, poi nota come Prima Guerra Mondiale, per l’insensatezza di come fu combattuta, per l’orrore della guerra di trincea e per gli strascichi violenti che portò, cambiò il mondo molto di più delle altre precedenti.

downton 502gPerò, il fatto che io lo abbia ripetuto spesso, significa anche sfortunatamente che Downton continua a battere sempre ed estenuantemente sullo stesso tasto, senza apportare troppe variazioni sul tema. Una volta è l’abbigliamento che diventa più informale, un’altra volta è la diminuzione della servitù, poi ancora il non più totale sussiego della popolazione al suo Lord, per arrivare infine ai costumi sessuali più licenziosi o alle dolci amenità di una radio senza fili che porta il discorso del re dentro ad un emozionata casa in cui si mischiano nobiltà e servitù. Tutto vero, tutto bello, raccontato con fine gusto, ma lo abbiamo capito nel corso degli anni. Serve continuare a battere sempre sullo stesso argomento? Dobbiamo forse ricordarci ogni tanto che il mondo sta cambiando negli anni venti? Ma soprattutto, a quale scopo? Perché dircelo è un conto, tenere il costante mutamento sullo sfondo serve a definire un quadro, un contorno all’interno del quale si muove la storia. Ma qui si rischia di far diventare lo sfondo quasi l’unico piano focale.

downton 502fIn Downton Abbey si è sempre data maggior importanza alla storia con la s minuscola, mentre quella con la S maiuscola veniva solamente accennata e sorpassata senza colpo ferire. Basti pensare alla presenza di Tom in casa all’epoca della rivoluzione e conseguente indipendenza Irlandese, accennata e poi dimenticata abbastanza in fretta (mi riferisco al momento specifico, non tanto ai vari dialoghi tra Lord Grantham e Branson), quando invece avrebbe potuto rappresentare una storyline intensa,  e questo lo possiamo già vedere e immaginare osservando quanto il comunismo, fenomeno salvifico per alcuni, nefasto per altri, chiaro ai più solo dopo diversi decenni, venga relegato a contrasto “da tavola” anziché essere portato a questione attuale. Ma questa è una scelta di Downton, per vedere impatti più veritieri della Storia sulla vita inglese è sicuramente meglio approcciare The Village. Downton non vuole essere questo e di sicuro non si può accusarlo per questo motivo. Il socialismo potrà quindi essere una “scusa” per creare nuove tensioni in famiglia tra Robert e Tom? Potrà portare ad un allontanamento di Branson dalla famiglia? La situazione effettivamente sembra essere presentata così e potremo vedere come si svilupperà nel corso della stagione.

downton 502dUn racconto corale, soprattutto con un “coro” di tali dimensioni, deve per forza mettere in primo piano alcuni interpreti e tralasciarne altri, per non dare a tutti troppo poco spazio e quindi seleziona quali storie raccontare, lasciando il resto sullo sfondo. In seconda linea, per il momento restano sicuramente Bates e moglie, ma già abbiamo visto come il drammone della vendetta/reato/carcere che avevamo sperato in un certo qual modo di esserci lasciati alle spalle, uscito dalla porta, si ripresenta alla finestre, a fine episodio, per la costernazione generale, spunta un presunto testimone del delitto di Bates. Io, personalmente, non ne sentivo troppo l’esigenza, non vedo il perché dover riscaldare una storyline che già aveva avuto il suo svolgimento in passato, ma forse è solo una mia considerazione personale.

downton 502bChi sicuramente è al centro della scena, per ora, sono le due sorelle Crawley superstiti, che continuano a non amarsi e continuano ad avere percorsi diametralmente opposti. Se Lady Mary si avventura nei preliminari per la scelta del nuovo marito, dimenticandosi un po’ della sua emancipazione come donna alla guida della tenuta e ricadendo nella necessità di essere moglie e madre, dall’altro lato abbiamo la sempre sfortunata Lady Edith che, abbandonata la figlia illegittima al fattore, non riesce più a staccarsi da lei e deve ricorrere a sotterfugi maldestri per rimanere parte della sua vita.

Nel caso di Lady Mary sembra tutto andar bene ed essere tutto rose e fiori, ma non credo che la scelta del suo spasimante sarà così facile e lineare tanto quanto Fellowes vuole farci credere. Le battaglie non sono mai finite per la più matura delle figlie del Duca anche se mi piacerebbe rivederla combattere non solo per sciogliere il suo triangolo. Per Edith invece sembra profilarsi tragedia dietro tragedia. Fellowes ama, io credo, infierire su questo personaggio, prendendola a mazzate non appena la sua testa esce per un attimo dalle acque agitate e, mia cara Edith, in questo momento la stai tirando fuori un po’ troppo quella testina dall’acqua per i gusti di zio Julian.

downton 502cDownstairs, mentre rimane come siparietto d’alleggerimento l’educazione matematica di Daisy (personaggio che è stato sfruttato molto meglio e con più intensità in altre occasioni), spadroneggia la relazione tra i due personaggi fino ad ora meno significativi: Baxter e Mosley, con una punta di Thomas che è ondivago tra la commiserazione tra la sua difficile vita in una società omofoba e la cattiveria gratuita senza scopo. C’è molto fuoco su questa situazione, ma poca emozione. Non mi passa nessuna drammaticità o particolare empatia verso questi personaggi.

Quello che mi rimane, alla fine di questo episodio, è sicuramente un altro capitolo ben fotografato, accurato e denso di avvenimenti, con i soliti battibecchi spassosi di Isobel e Violet o di Carlson con Robert o con Mrs. Hughes, ma quello che manca è un vero slancio che mi renda il tutto differente da quanto già visto e non solo una ridotta e riproposta variazione sul tema.

Per restare sempre aggiornati su Downton Abbey, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare perDownton Abbey Italia e per Downton Abbey Italian FanPage

Comments
To Top