Cinema

Armie Hammer protagonista in un thriller prodotto da Annapurna

Armie Hammer

Dopo il suo ruolo, acclamato dalla critica, in Call Me By Your Name (in Italia uscito con il titolo Chiamami col tuo nome), Armie Hammer ha trovato il suo prossimo progetto in un thriller ancora senza titolo prodotto da Annapurna Pictures.

Variety ha rivelato che Babak Anvari, regista de L’ombra della paura, scriverà e dirigerà, con Lucan Toh di Two & Two Pictures, il film prodotto da Christopher Kopp di AZA Films e Annapurna Pictures.

La storia segue un barista di New Orleans la cui vita viene sconvolta dopo che una serie di eventi sconvolgenti e inspiegabili iniziano ad accadere quando l’uomo prende un telefono lasciato nel suo bar.

Annapurna ha già fissato l’uscita per il 29 marzo 2019.

LEGGI ANCHE: La recensione del film candidato all’Oscar

chiamami col tuo nome

LEGGI ANCHE: Le curiosità sul film con Hammer e Timothée Chalamet

I progetti futuri di Armie Hammer

Armie Hammer sta ottenendo alcune delle migliori recensioni della sua carriera per il drama romantico di Sony Classics Call Me By Your Name, che è valso all’attore 31enne una nomination al Golden Globe come miglior attore non protagonista, mentre il film ha ottenuto quattro nomination all’Oscar, tra cui quella come miglior film.

L’attore apparirà un altro film presentato in anteprima al Sundance Festival, Sorry to Bother You, che Annapurna ha  acquistato al festival di quest’anno. La star americana sarà anche nel biopic di Ruth Bader Ginsburg On the Basis of Sex, mentre al momento è nelle nostre sale anche con il film Final Portrait – L’arte di essere amici‬ 

Pubblico e critica hanno scoperto il talento di Hammer grazie al film del regista italiano Luca Guadagnino, ma il bell’attore statunitense ha alle spalle una serie di film di successo, tra cui The Social Network (dove interpretò il doppio ruolo dei gemelli Winklevoss), Operazione U.N.C.L.E. al fianco del Superman Henry Caville di Alicia Vikander (Miss. Fassbender), e da ultimo in Animali notturni di Tom Ford.

Comments
To Top