American Horror Story

American Horror Story dall’ep 1.02 al 1.07: Chi ha paura del buio?

American Horror Story

American Horror StoryLo confesso. Ormai c’ho preso gusto con i riassunti. Non pubblicherò commenti alle singole puntate ma vi lascerò in trepidante attesa di un commento multiplo. Battute a parte, American Horror Story è, a mio modestissimo parere, la Novità di quest anno. Quella serie che ogni anno si aspetta perchè destabilizza. Perchè innova. Perchè è particolare. Insomma perchè non vedi l’ora di guardare una nuova puntata.

Ecco ho subito svelato le carte e avrete subito capito che difficilmente leggerete qualcosa di negativo su AHS. Meglio, mi correggo subito. Qualcosa di negativo c’è. I due protagonisti. La coppia sposata, Dylan – c’ ho un bel corpo a 50 anni alla facciaccia vostra – Mc Dermond e Connie Britton. Se non ci fossero una superlativa Jessica Lange che mette ansia al suo solo apparire e nonostante gli anni che si porta sulle spalle riesce ad essere seducente e conturbante, misteriosa ed enigmatica anche solo accendendosi una sigaretta; Tate, inquietante e schizzato al punto giusto e la Tessa Famiga, adolescente depressa, punto di contatto tra vivi e morti, sempre in bilico tra l’odiosità e l’empatia. Beh se non ci fossero loro forse tutta la follia visionaria dei due autori (Murphy e Falchuk)sarebbe stata sprecata dietro a quella coppia sposata con problemi che ha un espressione in due. Assolutamente da citare anche tutti i comprimari, da Dennis O’Hare, a Zachary Quinto fino alla piccola e terrificante Adelaide.

Ma superati i limiti dei due protagonisti, AHS è La Serie di quest anno perchè riesce a mischiare i misteri legati alla casa, ai suoi abitanti precedenti, alle tante figure che vi ruotano intorno (dalla cameriera che i maschi vedono strafiga, uccisa da Costance e ancora viva, alla stessa Costance, ai suoi tanti figli, al rapporto con l’uomo sfregiato che ci hanno svelato nel corso dell’ultima puntata, fino all’uomo di lattice, l’inquietante figura probabilmente padre dei futuri gemelli di Mrs Harmond…si spera non muniti di zoccoli). Da segnalare per la bellezza, ma soprattutto per la bravura dell’attore coinvolto, l’episodio numero 6 Piggy, Piggy. Protagonista assoluto è Eric Stonestreet ovvero Cameron di Modern Family. Un uomo tormentato dalle filastrocche che ritiene vere, e per questo non riesce a guardarsi nello specchio senza temere che un uomo con le fattezze di maiale lo aggredisca. L’attore è assolutamente superlativo nella parte, ma particolare è anche il finale che non nasconde quella sottile ironia che pervade un pò tutta la serie. L’uomo affronta le sue paure, pronuncia la fatidica “Here piggy piggy” davanti allo specchio e viene ucciso da un rapinatore nascosto nella doccia che pensava si stesse rivolgendo a lui. Inoltre questo episodio è incentrato su Tate, mostrandoci la sua storia.

Ok alla fine non è stato un riassunto, ma un atto “d’amore” verso questa serie.

Spero non cambino rotta nelle prossime puntate.

To Top