0Altre serie tv

Strike, The cuckoo’s calling: dei personaggi di cui innamorarsi – Recensione

Strike

Ho appena finito di vedere questo terzo episodio di Strike, che ha completato l’indagine di The Cuckoo’s Calling, e ancora mi brillano gli occhi per la contentezza. Per chi come me ha letto (divorato!) i libri di Robert Galbraith (aka JK Rowling) vedere dei personaggi tanto amati prendere vita sullo schermo è una gioia grandissima. Soprattutto quando il risultato è così ben riuscito.

Come abbiamo già detto in precedenza, uno dei punti di forza di questa serie di libri gialli è decisamente la coppia di protagonisti, Cormoran Strike e Robin Ellacott, che sommando le loro differenze si trovano uniti nel perseguire una passione e una missione comune: quella per la verità, svelata componendo puzzle, osservando le persone e i loro modi, ascoltando con attenzione, notando i dettagli e mantenendo sempre una mente aperta e libera dai pregiudizi. E sono proprio Strike e Robin a diventare carne e ossa davanti ai nostri occhi, mantenendo tutta la vividezza tratteggiata dalle pagine dei libri, tanto che Tom Burke e Holliday Grainger sembrano semplicemente nati per queste parti.

C’è certamente lo zampino della Rowling in tutto questo, la quale, essendosi spesso divisa tra pagine scritte e adattamenti per il cinema, non è certo alle prime armi in questo campo. Lei stessa ha seguito molto da vicino la sceneggiatura e la scelta degli attori e forse proprio per questo ci ritroviamo così perfettamente immersi in quell’atmosfera ed energia che permea le sue storie.

Strike

Strike e Robin sono il cuore di queste storie

Strike e Robin, sono due tipi in apparenza completamente diversi quanto a estrazione sociale ed esperienze di vita, eppure tra i due scatta una sintonia quasi istantanea che ha radici nella passione e nella cura per il lavoro che svolgono. Lei ha studiato psicologia, pur avendo dovuto abbandonare gli studi per ragioni personali, e si è trovata in seguito a svolgere una serie di lavori temporanei insoddisfacenti. E seppure l’inizio come assistente di un detective privato risulti per Robin un po’ straniante, è veloce nell’adattarsi e pronta a lasciare libera la sua curiosità che la porterà, con il procedere del caso, a diventare ben più che una semplice segretaria. Holliday Grainger in scena è luminosa e il suo entusiasmo contagioso.

Strike esce da una relazione burrascosa, ricca di passioni violente e squilibrate e improvvisamente si ritrova solo e isolato, aggrappato soltanto ad un lavoro che sta andando a rotoli. Ex-soldato, congedato dopo aver perso una gamba in missione, ha cercato di nascondersi dalle luci sempre puntate su un padre famoso e sregolato e affronta la vita con un atteggiamento un po’ ruvido e brusco, ma sempre pronto ad accettare una sfida che venga offerta alla sua mente inquieta. Tom Burke è bravissimo a sottolineare tutta la rigidità e la costante presenza di un arto meccanico che, pur non creando serie limitazioni, risulta un compagno impossibile da ignorare.
In questi episodi lo vediamo spesso arrancare per Londra, fumando e stringendo i denti ed è proprio l’interpretazione molto fisica di Tom Burke a dare intensità al suo personaggio.

Londra è il costante sfondo di indagini che si dipanano lentamente, muovendosi da un indizio all’altro, da un interrogatorio all’altro con un ritmo volutamente lento, ma che non manca di picchi di tensione e momenti intrisi di una placida malinconia. Forse l’indagine avrebbe avuto bisogno di maggiore spazio per respirare più liberamente, ma credo che gli snceneggiatori siano stati molto bravi ad adattarla ai tempi del telefilm.

Strike Holliday Grainger

Un adattamento davvero ben riuscito

Robin e Strike, insomma, si fanno amare facilmente e la chimica perfetta fra i due attori rende tangibile quell’intesa che cresce velocemente in un misto di rispetto ed entusiasmo reciproco. A voler trovare un neo, è forse un po’ forzatamente antipatico il fidanzato di lei, che si fa subito odiare con entusiasmo, sciorinando una frase infelice dietro l’altra; ma quello è il suo destino anche nei libri.

Una storia che fin dalla sigla mette in primo piano i suoi protagonisti e che è raccontata da una regia attenta e una fotografia che predilige la grigia luce naturale inglese e i suoi toni freddi (non manca mai in scena un oggetto blu) e che, a conti fatti è un adattamento davvero ben riuscito che rimane fedele al libro, pur dovendo compiere deii tagli necessari, e che ci lascia desiderosi di vederne il seguito al più presto. The Silkworm andrà in onda in due episodi nelle prossime due domeniche, mentre si dovrà aspettare un po’ per vedere l’adattamento del terzo libro già girato.

LEGGI ANCHE: Strike: rilasciato il trailer di Silkworm, basato su Il Baco da Seta di Robert Galbraith

E a voi è piaciuto? E i non lettori sono riusciti ad apassionarsi alle avventure del brusco detective con una gamba sola e la sua fedele assitente?

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema e di passare per la pagina The Strike Series Italia.

Comments
To Top