0Altre serie tv

Maniac: Emma Stone e Jonah Hill protagonisti della nuova serie di Cary Fukunaga su Netflix

emma stone

Cary Fukunaga, il regista e sceneggiatore statunitense che si è aggiudicato nel 2014 il Premio Emmy come miglior regista con True Detective, torna a dirigere a lavorare su una serie. Questa volta ad ospitarlo sarà Netflix, che ha anche prodotto il suo film Beasts of No Nation. La pellicola è stata presentata alla 72° Mostra del cinema di Venezia e il giovane protagonista Abraham Attah ha vinto il Premio Marcello Mastroianni al miglior attore emergente.

Dal 2015, anno in cui è uscito Beasts of No Nation, le notizie sul futuro lavorativo di Fukunaga sono state sempre incerte e poco soddisfacenti. Andrebbe dovuto scrivere e dirigere il reboot di It di Stephen King, ma il regista ha lasciato il progetto a tre settimane dall’inizio della produzione per divergenze creative. Si vociferava poi che dovesse dirigere The Alienist, serie di TNT basata sul best seller di Caleb Carr, ma è stato sostituito da Jakob Verbruggen a causa di conflitti di programmazione. Si spera quindi che questo nuovo progetto, che dovrebbe debuttare in autunno, vada davvero in porto.

Emma Stone

La serie si intitola Maniac ed è il remake di una omonima serie norvegese del 2014. La storia si concentra su due pazienti di un ospedale psichiatrico, chiusi nei propri mondi fantastici. La produzione inizierà il 15 agosto a New York City e le riprese dovrebbe concludersi nel mese di novembre. I 10 episodi previsti saranno scritti da Patrick Somerville, autore dei romanzi The Cradle e The Bright River. A vestire i panni dei protagonisti troveremo Emma Stone e Jonah Hill, che tornano a lavorare insieme sul set dopo la pellicola del 2007 diretta da Greg Mottola Suxbad: Tre menti sopra il pelo.

Emma Stone è attualmente in gara agli Oscar per la sua interpretazione di Mia nel musical di Damien Chazelle La La Land, mentre tra gli ultimi progetti di Jonah Hill vi è The LEGO Batman Movie, in cui ha prestato la voce a Green Lantern.

 

Fonte: Indiewire

Comments
To Top