News Serie TV

Will e Grace: NBC ha ordinato 10 episodi

Will e Grace
NBC

Il filone dei revival continua imperterrito. Dopo Gilmore Girls e X-Files è arrivata la volta di Will e Grace. Pare infatti che NBC abbia ordinato 10 episodi della sitcom con Debra Messing, Eric McCormack, Megan Mullally e Sean Hayes. Sfortunatamente non tornerà Debbie Reynolds, che interpretava la madre di Grace, in seguito alla sua morte all’età di 84 anni.

In verità la news deve ancora essere confermata da NBC. La notizia è stata diffusa da Leslie Jordan (nella serie interpretava Beverly Leslie, rivale di Karen). In un intervista radio ha infatti detto: “[Will e Grace] Tornerà. NBC ha ordinato dieci puntate per la prossima stagione. Inizieranno a girare a Luglio”. Il quartetto principale era comparso recentemente in un video per le elezioni americane dove appoggiavano la candidatura di Hillary Clinton per la presidenza.

Will and Grace

UNA SERIE RIVOLUZIONARIA

Will & Grace andò in onda tra il 1998 e il 2006, per un totale di 194 episodi distribuiti in otto stagioni. La sitcom divenne famosa per la rappresentazione di personaggi gay, interpretati da McCormack e Hayes. Ricevette 83 nomination agli Emmy per vincerne ben 16. Fu anche uno dei pochi show in cui ogni attore protagonista è riuscito a portarsi a casa l’ambito premio.

L’impatto della seria fu tale da colpire anche la politica. Il vice presidente Joe Biden in un intervista del 2012 disse: “La sitcom ha educato il pubblico in americano in tema LGBT più di ogni altra cosa. La gente ha paura del diverso. Ora stanno iniziando a comprenderlo”.

A distanza di più di dieci anni è anche cambiata la rappresentazione del mondo omosessuale in TV. Ormai ogni serie nel tentativo di normalizzare tali personaggi ne rappresenta almeno uno. Riuscirà questo revival a imporsi tra la concorrenza non essendo più l’unica serie LGBT friendly in circolazione? Troverà una sua ragione di esistere o finirà nei revival amarcord con l’unico scopo di tirare su un po’ di soldi per la produzione? Ai posteri l’ardua sentenza.

Comments
To Top