Doctor Who

Doctor Who: recensione speciale natalizio The Return Of Doctor Mysterio

Doctor Who
BBC

Dopo un anno intero senza Doctor Who, eccoci qui a commentare lo speciale natalizio 2016 The Return of Doctor Mysterio. Del Natale c’è ben poco, giusto le decorazioni in giro. Ma d’altronde anche lo scorso speciale le lucine e l’atmosfera erano lì per illuminare la storia d’amore tra il Dottore e River Song.

Quest’anno è forte la citazione esplicita al mondo dei supereroi dei fumetti cui Doctor Who ancora non aveva reso omaggio. Per quanto questa sia stata una scelta non apprezzata dai più, in realtà si è trattato del giusto espediente narrativo: una storia al tempo stesso nuova, introduttiva e poco natalizia. Il perché è semplice: dopo un anno dall’ultimo episodio (appunto uno speciale natalizio) e con la decima serie a qualche mese di distanza (una nuova ennesima ripartenza) Steven Moffat ha tirato fuori dal cilindro una storia dal finale aperto che potrebbe o meno collegarsi a qualche futura puntata.Doctor Who

Il risultato è un esperimento riuscito a metà. L’omaggio ai supereroi sembra essere frutto più del momento televisivo-cinematografico che di una scelta narrativa necessaria. Siamo nel pieno degli anni dove la Marvel spopola al cinema e la DC fa faville in televisione: il Ghost di cui il Dottore è involontario padre, non è un personaggio diverso dai tanti usciti dalle pagine dei fumetti. Clark Kent versione moderna. Anche la reporter Lucy Fletcher è la versione doctor-whoviana di Lois Lane. Insomma, anche se godibile non è stata la trama la parte trainante dell’episodio.

Come si accennava in apertura, il finale aperto risiede nel fatto che il Collettivo dell’Armonia è stato si sconfitto ma il suo leader è riuscito a scappare infiltrandosi nella UNIT. Non è una scelta sbagliata questa di voler continuare la storia: è l’essenza di questo episodio che non può essere solo natalizio dopo un anno di vuoto.

Quello che più ha funzionato del ritorno di Doctor Mysterio è il modo in cui tutto si svolge: si va avanti e indietro nel tempo (il piccolo Grant e la sua adolescenza) senza bisogno di capirlo esplicitamente. Riusciamo a percepire un piccolo accenno al come ha fatto Nardole a sopravvivere e del perché ora tiene compagnia al Dottore, e che fine ha fatto River Song (partita fatalmente per la libreria dove ad aspettarla per l’ultima prima volta c’è il Decimo Dottore). Si avverte persino la familiarità che ormai c’è tra il Dottore e Nardole: dal modo in cui i due conversano sembra che viaggino insieme già da un bel po’.Doctor Who

Insomma: per chi vorrebbe più risposte questo è certamente un aspetto negativo; ma è impossibile non notare la leggerezza con cui scorre via l’episodio, la felicità che si apre nel cuore dell’appassionato nel rientrare nel mondo del Dottore atteso febbrilmente per un anno. Sarebbe superfluo sottolineare ancora una volta la bravura di Peter Capaldi: il suo Dottore è nel pieno di un ennesimo cambiamento, e la sua tristezza che esplode come un fiume in piena ci colpisce verso la fine quasi a tradimento. Prima Clara, adesso River Song: la storia del Dottore è costellata da finali, checché ne dica lui.

E allora perché affannarsi a criticare un Capaldi o un Moffat per quello che ci stanno regalando? Tutto quel che dovevano fare con questo speciale è prendere nuovamente contatto col pubblico. Missione riuscita. Certo, si possono fare tantissimi appunti su come la scrittura di Moffat stia ormai calando in qualità e si avvertano i segni della stanchezza (Steven, è ora di passare il testimone); ma se la BBC non ha ritenuto che sia ancora giunto il momento di togliergli il comando, dobbiamo soltanto sperare che lo showrunner stia dando fuoco alle polveri in vista della sua ultima stagione al comando di Doctor Who.

Il Dottore è tornato. Tremate nemici del Tardis!

Per rimanere sempre informati su Doctor Who, condividere la vostra fede Whovian e essere sempre al corrente di tutte le novità del mondo del Dottore passate e mettete mi piace alla pagina Facebook Doctor Who ” ita ” e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

Comments
To Top