Cinema

Mamma ho perso l’aereo: 15 cose che (forse) non sapevate della commedia

mamma ho perso l'aereo

Al di là di qualche risata, Mamma ho perso l’aereo ci ha insegnato tante cose.

Per dirne una puoi farla franca con i Servizi Sociali se abbandoni tuoi figlio minorenne a casa da solo per le feste. Potresti anche scoprire che il tuo vicino inquietante è in realtà un bonaccione che ha semplicemente l’hobby di andare in giro con una grande, pesante pala per spalare la neve. Oh e, ultimo ma non meno importante, abbiamo imparato che un film può avere successo anche se il ruolo da protagonista è in mano ad un bambino e quel bambino recita da solo per metà del tempo.

Tutto qui? Beh, no. Perché Mamma ho perso l’aereo è una delle commedie storiche che durante le feste non può mancare. Come per ogni successo ci sono dei retroscena interessanti e abbiamo pensato di raccontarvene alcuni. Ecco, quindi, qualche curiosità sul film.

1 – Mamma ho perso l’aereo è una delle commedie che ha guadagnato di più al botteghino. Con i suoi 476.7 milioni di dollari ha dimostrato che tutti (ma proprio tutti) trovano divertente colpire dei cattivoni con ferro da stiro e barattoli di vernice. Certo, commedie come Una notte da Leoni – Parte II ha incassato molto di più (586 milioni di dollari) ma questo progetto, con il suo budget di appena 18 milioni, resta comunque un successo straordinario.

mamma ho perso l'aereo 1

2 – L’idea del film venne al regista – come suo figlio avrebbe poi dichiarato – proprio durante uno dei viaggi con la famiglia. John Hughes, infatti, esclamò durante un viaggio in Europa nel 1989: “E se uno dei bambini fosse rimasto a casa accidentalmente?”. Due settimane dopo scrisse la sceneggiatura.

3 – Il regista Chris Columbus avrebbe dovuto dirigere Un Natale Esplosivo, ma si trovò in disaccordo con Chevy Chase – che lo trattò male durante il loro incontro. Poco dopo gli capitò la sceneggiatura di Mamma ho perso l’Aereo e si trovò a dirigere un film natalizio, quello che desiderava davvero.

4 – John Hughes aveva lavorato con Culkin nel film Uncle Buck ed era certo di volere il giovane attore per la parte di Kevin. Tuttavia, per senso di praticità, Columbus fece comunque le audizioni anche con altri attori. Dopo 200 provini, quando Macaulay provò per la parte, Columbus non aveva dubbi sul fatto che fosse quello giusto.

5 – Joe Pesci e Daniel Stern, i due “cattivi”, erano amici molto prima di recitare insieme nel film. Come infatti Stern stesso ha confermato, i due avevano lavorato già insieme nel 1982 in un film con Jill Clayburgh. I due divennero amici proprio sul set di I’m dancing as fast as I can e la loro chimica, in parte, deriva proprio da quell’esperienza condivisa.

6 – La parte di Harry era stata offerta e Robert De Niro… che l’ha rifiutata.

mamma ho perso l'aereo

7 – Daniel Stern ha finto di urlare durante la scena della tarantola. Infatti un urlo vero avrebbe spaventato l’animale – che era vero. Per questo Stern ha solo finto di urlare e poi ha recitato l’urlo autentico in post-produzione.

8 – La neve finta non era nel budget del film, ma venne comunque usata. Il secondo giorno di riprese nevicò e questo significava che avrebbe dovuto esserci neve per tutta la durata nel film. Il guaio era che, ogni volta che la neve si scioglieva c’era ghiaccio. Non proprio comodo per apparecchiature e movimenti sul set.

9 – Il film Angels with Filthy Souls non esiste. La scena che vediamo nel film è stata appositamente create per la pellicola e l’attore, Ralph Foody, ha poi persino recitato nel finto sequel. In Mamma Ho riperso l’aereo – Mi sono smarrito a New York si vede infatti una scena di Angels with Filthier Souls, un inesistente sequel della prima pellicola. Deludente, eh?

10 – Harry e Marv avrebbero dovuto essere morti da un pezzo per le ferite inferte loro da Kevin. Abbastanza scontato, è vero, ma un medico ha confermato che i due cattivoni avrebbero avuto molti più problemi nella vita “reale” rispetto a quello che accade loro nel film. Il ferro da stiro in faccia? Avrebbe dovuto spezzare le ossa della faccia. La maniglia infuocata, invece, avrebbe fatto perdere a Marv il braccio. Il lanciafiamme sulla testa di Harry? Causa di morte, decisamente.

11 – Quello che ha una cicatrice dalle riprese, tuttavia, è proprio Culkin. Nella scena in cui Harry promette di staccargli le dita a morsi, Pesci morse effettivamente per sbaglio l’attore. La cicatrice gli è rimasta da allora.

12 – Diverse scene sono improvvisate, persino alcune del giovane attore protagonista. Mamma ho perso l’aereo ci fa ridere, sbellicare delle volte. Eppure molte delle battute sono state originate dalle circostanze. Come la scena sulle scale in cui Kevin chiede ai cattivi se ne hanno avuto abbastanza: total improvvisation, people!

13 – Pare che in una versione precedente del film, il vero cattivo fosse lo zio Frank. Sembra, infatti, che originariamente sarebbe dovuto essere lo zio a pagare i cattivi perché rapinassero la casa di Kevin mentre tutti erano via. Mmm, chissà cosa avrà fatto cambaire idea a Hughes.

14 – Che ci crediate o meno ci sono tanti, forse troppi sequel del film. Mamma ho perso l’aereo ha avuto ben 4 seguiti. Il primo lo conosciamo bene ed è la versione a New York. Il terzo film – Mamma ho preso il morbillo – è più uno spin-off che un reale sequel, dato che il cast è completamente diverso. Mamma ho allagato la casa  è praticamente mezzo sconosciuto, nonché quarto capitolo del franchise. Infine, Mamma ho visto un fantasma è stato rilasciato sul canale ABC Family nelle vacanze di Natale del 2012. Nessuno, ovviamente, sa che quest’ultimo film esista.

15 – La casa in cui il film è stato girato – che si trova in Winnetka, Illinois – è stata venduta nel marzo del 2012. La somma spesa per comprarla era di 1.58 milioni di dollari, che l’hanno tolta dal mercato dopo ben 10 mesi.

mamma ho perso l'aereo

Comments
To Top