Intervista a Jesse Williams di Grey’s Anatomy

Intervista a Jesse Williams di Grey’s Anatomy

jesse williams mctvf 200x150 Intervista a Jesse Williams di Greys Anatomy

Al Monte-Carlo TV Festival, Telefilm Central ha avuto l’occasione di intervistare i protagonisti di Grey’s Anatomy, Jesse Williams, che nella serie interpreta il bel Jackson Avery.

E’ stato difficile arrivare nella serie così tardi ed integrarsi?
Non sapevo che cosa mi aspettasse ma mi sono sentito immediatamente a mio agio, sono stati tutti meravigliosi, ci siamo divertiti, abbiamo scherzato insieme..mi sono sentito il benvenuto sia dal cast sia dagli autori.

Ci puoi parlare dell’impatto emotivo dal drammatico finale della sesta stagione?
Certo. Dunque nel finale di stagione abbiamo avuto quella sparatoria, è stato uno scenario molto spaventoso e molti personaggi naturalmente hanno perso delle persone amate, ma quel che è peggio è che ciò è accaduto sul posto in cui lavorano, un luogo dove trascorriamo 20 ore al giorno. Il mio personaggio, per esempio, che si è appena trasferito in questo ospedale, ha appena subito un radicale cambiamento nella sua vita, ha ancora pochi amici e proprio questi vengono uccisi sul posto di lavoro, ed è una cosa molto dura da affrontare. E quindi dovrà vedersela con i postumi dell’accaduto; ciò che trovo interessante all’inizio della settima stagione è vedere come ciscuno affronti le conseguenze in modi diversi: qualcuno non riesce a riprendersi, qualcun altro finge di star bene e si tuffa nel lavoro, e qualcun altor, come il mio personagio, sta nel mezzo: a volte mostra di essere forte ma non lo è davvero, c’è qualcosa dentro di lui che lo turba e, come attore, è stato interessante lavorarci sopra.

Ci sono stati dei momenti che presagivano che il tuo personaggio avrebbe avuto una storia con Cristina Yang, pensi sia possibile?
Penso che sarà più difficle ora che lei è sposata, ma chissà. E’ stato molto divertente quella scena, soprattutto perchè Sandra è un’attrice straordinaria, e entrambi i nostri personaggi sono molto competittivi e dal momento in cui Jackson è entrato in quell’ospedale l’ha subito individuata come sua “antagonista”. Penso che sia questa loro competizione che li attragga l’un l’altra, ma per Jackson è forse il rispetto per la Yang che lo attrae. Non c’è nulla di romantico quindi, ma è un’alchimia molto interessante tra questi due personaggi.

Il tuo personaggio crede che la sua bellezza sia una sorta di handicap nel suo lavoro, condividi il suo punto di vista?
E’ così strano parlare di me in questo modo, il fatto è che Jackson non vuole essere giudicato solo per quell’aspetto, e penso che sia una cosa universale non voler essere giudicati in base ad una cosa che non si ha deciso da soli. Non mi sono dato io questi occhi, non posso prendermene il merito, non è una cosa per cui voglio essere giudicato ed il mio personaggio ha lo stesso “problema”: non vuole essere trattato in modo speciale a causa di suo nonno, famoso chirurgo, e non vuole far sapere a nessuno di questa parentela proprio perchè altrimenti verrebbe trattato in modo diverso, mentre così viene trattato come merita. Vi è una grossa differenza tra la soddisfazione che si prova quando ti guadagni qualcosa da solo piuttosto che quando ti viene semplicemente data.

Vi sono stati diversi rumors sull’uscita di Ellen Pompeo e Patrick Dempsey dallo show: pensi che sia vero e, nel caso lo fosse, la serie potrebbe continuare anche senza di loro?
A dire il vero non lo so, probabilmente voi ne sapete più di me. Penso che la serie sia in grande forma e personalmente non vedo l’ora dell’ottava stagione.

Ci puoi anticipare qualcosa?
Lo vorrei ma, man mano che lo show è andato avanti, la produzione ha smesso di dirci cosa sarebbe successo perchè lo raccontiamo sempre a voi, ma quello per cui non vedo l’ora dell’ottava stagione è che, mentre la settima era una sorta di transizione dalla sesta stagione, quella fase di ripresa in cui cerchi di capire chi sei, le relazioni che si formano mentre tutti affrontano lo stesso trauma, l’ottava sarà un nuovo inizio per tutti noi, mentre ci affermiamo per quello che siamo, i rapporti costruiti diventano ancora più forti e ve ne saranno di nuovi. Su una dozzina di regulars, tendiamo un po’ a raggrupparci tra i soliti, e il prossimo anno vedremo questi gruppi rimescolarsi un po’ e sarà molto interessante.

Parlavi della competizione dei personaggi della serie, è così anche per voi attori sul set?
No, fortunatamente no! C’è solo competizione per chi realizza lo scherzo migliore, ma è un set molto rilassato e forse sono proprio questi scherzi che ci aiutano: abbiamo numerose scene estremamente drammatiche, e risollevare l’atmosfera diventa essenziale per noi. Organizziamo anche piccoli tornei sportivi.
E chi è il migliore?
Io. [ride] Sto imparando il golf, ed Eric Danes è il miglior giocatore.

Shonda Rhimes sta lavorando a tre diverse serie ora, è una cosa che ti preoccupa?
Assolutamente no, Shonda è migliorata moltissimo e può fare qualsiasi cosa, non ci sono regole per lei. E’ già dura ottenere un pilot per la tv: Shonda ha quttro diverse serie sulle reti nazionali, ciscuna con una fan-base molto forte e appassionata. Lei è il capo, ma vi sono altri autori e produttori che vediamo al lavoro sul set ogni giorno, quindi non c’è assolutametne quel senso di “abbandono” proprio perchè abbiamo talmente tante persone che lavorano allo show, appassionate e che non permetteranno che la serie perda qualità.

Cosa ne pensi dei soprannomi atribuiti ai personaggi? Ne hai uno tuo?
Preferisco restarne fuori. Adoro i soprannomi di McDreamy e McSteamy e trovo molto divertenti alcune trovate nei dialoghi, ho anche alcuni fans su Twitter che hanno sempre nuove idee, in genere sono Pretty Eyes, McHottie. Una volta ero ospite di Ellen DeGeneres e mi ha regalato una t-shirt con scritto “McJustReallyReallyReallyHot” ed è stato divertente, è senz’altro un modo come un altro per iniziare una conversazione. [in realtà si tratta di un camice, lo potete vedere qui, ndr.] Mi piace riderci sopra, ma non ne sento il bisogno io personalmente.

Puoi parlarci del film in uscita The Cabin in the Woods?
Sì, sono molto entusiasta di questo film, finalmente uscirà a fine di quest’anno. Ho finito di girarlo prima ancora di approdare nel cast di Grey’s Anatomy, è un film horror ma con humor che rende omaggio ad altri celebri film horror. Grandi story-lines e grandi attori, incluso uno dei miei più cari amici, Chris Hemsworth, che ora è Thor e sarà una delle star in The Avengers. Mi sono divertito molto durante le riprese, è un film molto energico ma soprattutto molto intelligente.

Prima di diventare attore eri un insegnante, ci puoi parlare di questa esperienza?
Certo, è stato il lavoro migliore che abbia mai avuto ed è stata molto dura lasciarlo. Mi ci sono voluti addirittura sei mesi perchè non volevo lasciare i miei ragazzi, l’ambiente era bellissimo, e il motivo per cui diventai insegnante è perchè ne ebbi io uno bravissimo in passato. Sono cresciuto in un brutto quartiere, e la mia scuola non era certo una delle migliori e fui abbastanza fortunato di trasferirmi in un posto con una scuola migliore e incontrare persone meravigliose, e capii che non aveva nulla a che fare con me ma era solo questione di fortuna.

E’ vero che hai girato un video con Rihanna?
Sì, è stato molto divertente. Ho girato questo video con Rihanna, per la canzone “Russian Roulette”, forse il primo singolo del suo ultimo album l’anno scorso. Avevo appena terminato le riprese della serie quando ho ricevuto la chiamata e mi hanno proposto questa rara opportunità. E’ decisamente diverso e, come attore, è sempre positivo buttarsi in cose nuove in modo da non soffermarsi su un ruolo specifico. Rispetto moloto la sua musica e ciò che è stata in grado di fare per se stessa. Ho girato anche un altro video-clip, con Estelle, nel Regno Unito, che si intitola “Fall in Love”, e anche quello è stato molto divertente.

About Valentina Colombo

Loves TV series, geekeries and especially Joss Whedon.

Serie preferite: Buffy, Supernatural, Firefly, Battlestar Galactica, Friday Night Lights, Glee, Doctor Who, Torchwood, White Collar, The Big Bang Theory, Leverage, Alias, The West Wing, Merlin, Agents of SHIELD, Suits, Sherlock

Network:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>